Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Le foto di Peppe Del Rossi al Museo di Fisica della Facoltà

Oltre il Sipario di un nero brillante, al via la mostra

Viaggio tra la Terra del fuoco e il Mito dell'area flegrea

Oltre il Sipario di un nero brillante, al via la mostra
12/04/2011, 11:04

POZZUOLI (NA) - In occasione della XIII Settimana della Cultura promossa dal MiBAC, dall’11 al 15 aprile 2011, il Museo di Fisica dell’Università di Napoli Federico II, in via Mezzocannone 8, ha organizzato una mostra fotografica dal titolo: “Oltre il Sipario di un nero brillante - Fotografie all’infrarosso di inconsueti scenari, di Giuseppe Del Rossi”. All’interno delle sale del museo è stato allestito un laboratorio didattico per consentire al visitatore di seguire le varie fasi della fotografia: dall’osservazione alla relazione con l’oggetto dell’indagine, fino all’affascinante rivelazione della scoperta. La fotografia, strumento indispensabile alla ricerca scientifica, è un insieme di arte e giornalismo, da cui nasce un metodo che consente di attraversare e conoscere i vari ambiti del sapere. La mostra di Peppe Del Rossi è nata, infatti, per trasportare gli ospiti in un piccolo viaggio attraverso colori apparentemente irreali, della Terra del fuoco e del Mito dei Campi Flegrei. E’ come volgere lo sguardo sul confine della luce visibile e quella invisibile, del bianco e del nero, del conscio e dell’inconscio.
Il Museo ospita circa 700 strumenti, molti dei quali di origine ottocentesca. Di particolare rilievo i microscopi e gli strumenti elettromagnetici, i misuratori di corrente e molti apparecchi di acustica, di termologia e di meccanica. Gli strumenti ideati dal fisico Macedonio Melloni (la sua fama è legata ai suoi studi sui raggi infrarossi) costituiscono una collezione unica e significativa. Altrettanto rilevanti alcuni cimeli seicenteschi e settecenteschi della Collezione reale: tra di essi le due lenti obiettive per cannocchiale, l’una lavorata da Evangelista Torricelli nel 1645, l’altra dal veneziano Domenico Selva nella prima metà del Settecento.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©