Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

OTTIMO SUCCESSO PER TANGUERÌA PLAZA REAL


OTTIMO SUCCESSO PER TANGUERÌA PLAZA REAL
23/09/2008, 08:09

Un successo che ha superato le più rosee attese quello registrato dall’evento “TANGUERÌA PLAZA REAL” lo scorso week end.

 
Oltre 300 i tangueros che, da tutta la Campania, hanno affollato la piazza casertana del Crowne Plaza per studiare e ballare tango con Thierry Le Cocq, ballerino francese tra i più rispettati al mondo.
Stages super affollati fino all’ultimo minuto di lezione, e serate di milonga e gran galà degne del primo evento casertano dedicato al tango argentino.
 
Umile, disponibile, attento, Thierry Le Cocq e signora non si sono risparmiati nelle lezioni, trasmettendo agli allievi entusiasmo e passione insieme alla filosofia del Tango.
 
E non si sono risparmiati nelle serate dedicate agli ospiti, danzando per tutti tra applausi e standing ovation.  
 
Per rendere onore all’evento casertano le più quotate milonghe di Napoli e Salerno sono rimaste chiuse, al fine di consentire a tutti di non mancare all’appuntamento con Le Cocq.
Associazioni e scuole di tango di tutta la regione si sono ritrovate a Caserta, ospiti degli organizzatori dell’evento, ossia le associazioni Trasnochando di Caserta e GTango di Salerno, cui sono andati i complimenti per lo spirito di condivisione e passione per il tango che ha ispirato l’iniziativa.
 
“Sono onorato di essere qui – il commento di Thierry Le Cocq alla folla che ha seguito gli stages e le serate – e, nonostante gli impegni già assunti e che mi porteranno in giro per il mondo, sarò qui ogni volta voi vogliate regalarmi le emozioni e l’entusiasmo di questi giorni. Il mio modo di ringraziarvi sarà trasmettervi il mio modo di sentire e danzare il tango, non come maestro ma come ballerino, come appassionato”.
 
Risposta di pubblico e attestati di stima per le associazioni Trasnochando di Caserta e GTango di Salerno, per la prima volta insieme, e la promessa di un seguito all’evento.
 
“Caserta merita appuntamenti speciali, che diano anche visibilità agli allievi e al lavoro dei maestri impegnati nelle scuole del territorio – commentano le responsabili dell’Associazione TrasnochandoMa quello che ci preme maggiormente è consolidare la sinergia vincente e collaudata con la GTango di Salerno così come con le altre associazioni campane, affinché Caserta diventi il simbolo di un tango da vivere e condividere senza i limiti di sterili appartenenze”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©