Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Padova, al santuario Mappa Tattile per persone non vedenti e ipovedenti


Padova, al santuario Mappa Tattile per persone non vedenti e ipovedenti
11/04/2011, 10:04

Sabato 16 aprile alle ore 16.00, nel Chiostro della Magnolia della Basilica del Santo (Padova), verrà inaugurato il completamento della prima Mappa Tattile per persone non vedenti e ipovedenti che riproduce l’architettura della Basilica, dei Chiostri, dei Musei, della Scoletta e dell’Oratorio di san Giorgio, per consentire così alle persone con difficoltà visive di avere una completa conoscenza della architettura del Santuario.

La Mappa Tattile, donata dal Lions Club Padova Morgagni, nasce da un progetto iniziato negli anni 2007-2008 dall'allora Presidente Claudio Lanzieri, ripreso poi nell'anno successivo dal Presidente Pietro Grassi. La mappa descrittiva nella prima fase dell’architettura della Basilica, riprodotta con perizia e precisione nei minimi dettagli, è stata installata nel maggio 2010 con una suggestiva cerimonia nel corso della quale Paolo Breda, ora divenuto Presidente del Club, in considerazione dell'entusiasmo col quale era stata accolta l'opera, aveva deciso di assumere, a nome dello stesso Club, l'impegno verso le Autorità religiose di completare l'opera nel più breve tempo possibile.

Sabato 16 aprile avverrà quindi l'inaugurazione della seconda fase del completamento della Mappa, attualmente collocata all'ingresso del Chiostro della Magnolia, che descrive i quattro chiostri – Chiostro della Magnolia, Chiostro del Noviziato, Chiostro del Generale, Chiostro del Beato Luca Belludi – cui si aggiungono la Scoletta del Santo, il Museo e l’Oratorio di San Giorgio.

Il plastico tattile così concepito (in scala 1:500) fornisce alle persone con problemi di vista il maggior ausilio possibile per comprendere la bellezza e la magnificenza di questo Santuario famoso in tutto il mondo, monumento estremamente articolato nella sua composizione architettonica, frutto di interventi che si sono succeduti dal Duecento sino a tutto il Settecento.

Come il precedente manufatto, anche questo completamento è stato affidato alla ditta Happy Vision di Bergamo, che già aveva realizzato, lo scorso anno, il modellino tattile in scala della Basilica.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©