Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Conclusa la manifestazione dei prodotti tipici e turismo

Paestum, X° edizione dei Giovani alla ribalta in cucina e al bar


Paestum, X° edizione dei Giovani alla ribalta in cucina e al bar
04/12/2010, 13:12

Per tre giorni Paestum è stata protagonista di turismo anche attraverso i prodotti tipici di eccellenza dell'enogastronomia. Teatro degli avvenimenti del X° INCONTRO NAZIONALE: “Sulle Rotte dell’Arte del Benessere e del Gusto Regionale” e X° CONFRONTO NAZIONALE: “I Giovani alla ribalta in cucina e al bar”, realizzati per volontà di Mario Giorgio Lombardi, sono stati due alberghi emblema dell'ottima ospitalità: il Mec Paestum hotel e l'Hotel Ristorante Schumann. La manifestazione è stata creata da Mario Lombardi, che attualmente ricopre la carica di governatore dell'Accademia italiana Gastronomia Storica e precedentemente di direttore generale del “Centro studi Chianciano G.Sanchini, L.Papo”, si tratta dell'evoluzione di un evento annuale e della manifestazione giunta alla 27a edizione a Chianciano Terme. Diverse aziende produttrici sono state messe a confronto per la proposta di prodotti dell'eccellenza enogastronomica. A Paestum non poteva mancare il sostegno dell’Azienda Agricola Barlotti, con la sua produzione di tutto quanto derivato dalla Bufala, latticini e carne che ha ospitato anche le gare della giornata finale con una gara tra alunni degli Ipssar ed i giornalisti presenti, su una elaborazione di bruschette. Altro elemento essenziale per la riuscita dell'evento è stato l'ormai consolidato sostegno offerto dal Comitato Giovani Albergatori - Ristoratori di Chianciano – Paestum. Proprio in queste terre cilentane dove, a Pioppi, soleva trascorrere le sue migliori giornate lo scienziato americano il fisiatra Ancel Benjamin Keys, papà della Dieta Mediterranea (divenuta ultimamente patrimonio dell'Umanità) che attraverso la sua opera ritenendola stile di vita riuscì ad imporre come unico elemento importante ed essenziale nella Scuola Pubblica di Alimentazione dell'Università del Minnesota, Lombardi ha messo in discussione la conoscenza essenziale e primaria dei prodotti utilizzati per il nostro sostegno quotidiano alimentare. Quello che propone Lombardi attraverso l'evento di Chianciano e poi Paestum sono le nostre eccellenti specialità enologiche e gastronomiche presenti sul territorio nazionale che necessariamente per essere salvaguardate richiedono un'approfondita conoscenza da parte degli alunni degli Ipssar di numerose città italiane che hanno partecipato alla kermesse e da parte di tanti personaggi del settore dell'alimentazione per far si che la cucina sia soprattutto salutare nelle sue fasi primarie ma anche di gusto per i prodotti utilizzati ed elaborati con la cognizione più ampia possibile di quello che si vuole presentare. Erano presenti alla manifestazione dodici istituti alberghieri; quelli di Benevento, Vico Equense (Na), Rende (Cs) , Altamura (Ba), Giulianova (Te), Randazzo (Ct), Sant'Arsenio (Sa), Rieti, Castelnuovo Cilento (Sa) e Castellabate (Sa). A supportare l'intento di Lombardi sono intervenute aziende veterane del concorso come: il consorzio del Parmigiano Reggiano e l'Impero abbigliamento professionale Arte e Mestieri. Altre aziende anch'esse storiche sostenitrici delle manifestazioni ideate da Lombardi sono state la Ecorì Agricola srl di Vercelli, che ha fatto degustare rea pranzo e cena il suo riso, la pescheria Anna di Liberato di Paestum, che ha espresso con il suo pescato freschissimo i sapori del mare Mediterraneo, l’azienda “Cuore di Garfagnana” con assaggi di particolari salumi, il Comitato Produttori Caseari e Carni Bufaline Cilentane con le sue braciole che ha fatto assaporare nella cena di gala, l'azienda agricola Barlotti che ha fatto provare le sue mozzarelle di bufala e burrate sia a tavola che nei momenti di aperitivo serviti dalla “Menù” con gli svariati ed assortiti prodotti, completati dal brindisi con lo spumante La Versa ed il cioccolato di Meloni Graziella. A completare con l'utilizzo dei loro prodotti, offerti anche come premio ai vincitori di gare, sono intervenute la Paderno pentole, i coltelli Fiskars Montana e le ceramiche artistiche Adriano di Vietri. Fra le aziende nuove si è messa in luce la pasta fresca prodotta con il massimo dell'artigianalità e l'eccellenza dei prodotti impiegati da “La Spiga d'Oro” di San Giuseppe Vesuviano. Il fragrante pane fresco tipicità del panificio artigianale “Del Ponte”, che dal 1983 a Moiano BN produce anche un'ottima pasticceria secca, è andato a ruba nonostante il notevole quantitativo fatto giungere quotidianamente sul posto. Gli spumanti Gioia e Gavaller dell'azienda “Tenuta delle Aquile”, presentati da Renato Donsanto, sono stati protagonisti dei momenti di fine pranzo insieme ai vini Passione ed Overtura, della stessa azienda, che hanno accompagnato egregiamente i sapori della cena di benvenuto a base di pesce della pescheria Anna di Liberato. Un grande apprezzamento per la scoperta o riscoperta di particolari sapori è giunto dai commenti di tutti i presenti giornalisti, alunni e professori degli Ipsar, tecnici del beverage e di sala e cucina, all'azienda “Nature Med Srl” di Cosenza, nata nel 1886 come “Zagarese” di Castrovillari, che come new entry nelle kermesse di Lombardi, ha proposto la liquirizia di Calabria trasformata in varie prelibatezze: bonbon di cioccolato tartufato ed altri tipi, liquirizia in tronchetti ed in vari formati, liquore di liquirizia anche Bio e grappe Rubedo o Nigredo dello stesso gusto, chiudendo con l'annuncio della produzione dai primi di dicembre del panettone alla liquirizia. Il totale gradimento di questo prodotto ben illustrato nella presentazione della produzione effettuata da Dario Chiappetta, responsabile commerciale dell'azienda, è stato anche motivo della richiesta, da parte degli Ipssar in gara, per i coktail, oltre che del liquore, anche della polvere di liquirizia che ha permesso di produrre accattivanti drink miscelati. Nella prova del NATURAL LONG DRINK la liquirizia ZAGARESE ha visto il suo utilizzo nei natural drink miscelati “Dimostrazione a SQUADRE” che ha portato ad affermarsi gli alunni dell'Ipssar di Altamura (Ba), seguiti dai rappresentanti degli Istituti alberghieri di S.Arsenio (Sa) e Randazzo (Ct) e Castenuovo Cilento. I formaggi affinati e selezionati proposti da “Base alimentare” di Castiglion Fiorentino, “lo Zampino” di Addabbo che dal 1931 costituisce una specialità di qualità e tradizione della stessa macelleria di Gioia del Colle, come anche il prosciutto “Bacchio Nero”dal gusto inconfondibile proveniente dalla terra di antichi sapori della Garfagnana, offerto da F.lli Bellandi di Ghivizzano, sono stati un tutt'uno di eccellenze gastronomiche che hanno apprezzato in primis lo spirito dell'iniziativa dell'Aigs, insieme al CSC G.Sanchini. La perfetta riuscita della manifestazione si è avvalsa del coordinamento professionale di Mauro Giuliacci, Fabio Fastelli, Fabio Zeppoloni e Enrico Clores, docenti di Trasformazione Alimentari nel centro di formazione dell'Accademia Italiana Gastronomia Storica. Alex Revelli Sorini ha presentato i vari momenti della manifestazione. Nella serata di gala svoltasi nella sala delle feste dell'Hotel ristorante Schumann Paestum i presenti hanno vissuto un “Cookin' show” dell’unità d’Italia condotto sempre da Sorini al quale hanno presenziato, tra gli altri, consoli ed ambasciatori della Accademia italiana gastronomia storica. Nella preparazione dei piatti, si sono esibiti i cuochi Franco Coppola del L’Hosteria Mille Gusti di S.Egidio Montalbino, Shady Hasbun del ristorante il Borro di Arezzo e Fausto di Gregorio del Ristorante Schumann. Nel corso della serata, che come l'intera manifestazione è stata ripresa e verrà riproposta in Tv dalle emittenti Osservatorio Flegreo e Donna Fashion News, sono avvenute le consegne dei riconoscimenti dei vari concorsi. Sono stati attribuiti inoltre i premi giornalistici “Apicio Aigs 2010”, andati quest'anno, per gli organi di informazione a “ L’Osservatorio Flegreo TV”, ritirato dal comitato di Redazione, ed al giornalista Giuseppe De Girolamo. Le nomine attribuite sono: Cavalieri ufficiali dell’arte e del gusto: Alberto Lupini, Stefano Villani, Sandro Romano, Adriano Bergamo, Massimo Marchitiello. Premio Giornalistico APICIO 2010 Città di Paestum: Giuseppe De Girolamo; Premio Giornalistico APICIO TV Città di Paestum; L’Osservatorio Flegreo e Donna Fashion News TV, Consegnati dall'Assessore al Turismo del Comune di Capaccio-Paestum ai giornalisti Fabio Iacolare, Arabella Frola, Emanuele Izzo e Rita Marsico del comitato di redazione. AMBASCIATORI Giornalisti: Vincenzo Colimoro, ha ritirato il premio il consigliere dell’assostampa campania Mario Orlando. AMBASCIATE DELL’ARTE DEL GUSTO: Comune Di CapaccioPaestum, Pastificio La Spiga D’oro, Pastificio Del Ponte, Tenuta Delle Aquile, Cantina La Versa SpA S.Maria della Versa (PV) da Fare, Nature Med Srl, Ristorante Convivio Ruvo di Puglia. TALENTO DELL’ARTE DEL GUSTO 2010: Bruno Bellandi, Salvatore Variale, Giancarlo Colombo, Graziella Meloni, Andrea Magi, Filippo Addabbo, Davide Meniconi, Paolo Pani, Florinto Di Mattia, Alberto Raiola, Shady Hasbun, Franco Coppola, Fausto De Gregorio, Enrico Clores, Bernardo Picaro, Vincenzo Coppola, Alessandro Del Ponte. AMBASCIATORE di Arte Bianca: Marcello Avitabile e Josef Serra. PREMIO INGEGNO ITALICO: Hotel Schumann, Mec Paestum Hotel, Pescheria Anna, Hotel Shumhan, Azienda Agricola Barlotti. Dilettanti allo Sbaraglio Giornalisti e Allievii e amatori della bruschetta: Brunella Cimadomo (giornalista), Giuseppe Di Napoli (presidente A.M.I.R.A. Campania), Harry Di Prisco (giornalista), Mario Carillo (giornalista).

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©