Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Parte al Museo Archeologico di Paestum la Rassegna Teatrale "Dal mito a più Infinito"


Parte al Museo Archeologico di Paestum la Rassegna Teatrale 'Dal mito a  più Infinito'
05/01/2013, 09:05

Con “Natale in casa di donne”, il riadattamento scritto, diretto ed interpretato Sarah Falanga partendo dalla celebre opera di Eduardo De Filippo “Natale in casa Cupiello” si  inaugura questa sera alle ore 17.15 nel Museo Archeologico di Paestum, l’attesa rassegna teatrale “… dal Mito +Infinito” . In scena con la Compagnia Stabile dell’Accademia Magna Graecia, la stessa che ha fortemente voluto l’intero evento con l’appoggio della direzione del Museo Archeologico Nazionale di Paestum,  del  Comune di Capaccio, della Soprintendenza ai Beni Culturali di Salerno e della Banca di Aquara, vi saranno, tra gli altri, i giovani attori dell’Accademia con sede a Paestum,  insieme a quelli provenienti dal Theatre De Poche di Napoli come Christian Mirone, Roberta Bonora, Veronica Falcone, Francesca Matrone, Arianna Casaburi e Damiano Agresti. Le musiche inedite sono del maestro Giuseppe Mazzillo, mentre le scenografie sono firmate da Enzo Corsaro. “Lo spettacolo - spiega l’attrice Sarah Falanga che cura pure la direzione artistica dell’intero evento -  è una importante sperimentazione sulla dimostrazione dell’universalità della drammaturgia di Eduardo De Filippo … è una mia esigenza emotiva ed intellettuale! L’interpretazione tutta al femminile dei personaggi del celebre copione “Natale in Casa Cupiello”, troppo imitato e scimmiottato, è una grande sfida tesa a dimostrare che se è vero che Eduardo ha scritto testi di essenza e contenuto universale tanto da guadagnarsi un posto tra “i miti” del teatro, è anche vero che quella stessa drammaturgia non perderà la sua verità e la sua essenza se interpretata e non imitata…e l’universalità non conosce limiti di tempo, di maschere, di sesso. Insomma non  possiamo continuare a pensare di frequentare i copioni di Eduardo De Filippo cercando di imitarne la maschera, sarebbe come non permettere alla loro poesia di vibrare…libera da schemi e luoghi comuni. Lucariello sarà una donna, come Concetta e Tommasina. Il testo sarà semplicemente arricchito da atmosfere e musiche, senza alcun gracchiato voluto sulla celebre frase-tormentone ‘te piace ’o presepe’ ma cercandone una verità interpretativa necessaria agli attori, che hanno studiato il testo e la sua pregnante e problematica forza, la sua profonda emozione ed il suo vero significato, un significato che si scompone in tante micro verità che oggi più che mai appartengono all’uomo. Un testo è vivo se vive in ogni tempo, per ogni pubblico e per ogni attore, solo così si concede l’immortalità al suo autore! Insomma una continua sorpresa data dalle vibrazioni di quelle stesse parole che suonano di una nuova melodia, vera, essenziale, infinita. Fino ad identificarsi sicuramente come un vero mito… “mito” perché resiste al tempo! “Natale in casa di donne” è una responsabilità, un rischio, un gioco pericoloso ma intrigante e stimolante”. La Rassegnra proseguirà il 19 gennaio 2013, con “Yerma… donna sul filo”, tragedia in musica tratta da Federico Garcia Lorca. Il 26 gennaio 2013, invece, per i più giovani, sarà il turno di “Anne Frank, storia di un diario… diario di storia”, tragicommedia in musica dal Diario di Anne Frank. Ancora, dal 2 febbraio 2013, al Museo Archeologico di Paestum arriverà “ Io, Anna Magnani?” per la prima volta in teatro uno spettacolo sul mito Anna Magnani, in esclusiva assoluta per Paestum, mentre dal 2 marzo 2013, in cartellone, ci sarà “Caffè di note ….e di giorno” un lavoro musicale tratto dall’opera di Raffaele Viviani. L’8 marzo 2013 sarà il momento de “Le donne di Hera”, Ecuba, Elena, Andromaca, Elettra e Medea nelle metope del santuario di Hera alla Foce del Sele, attraverso l’interpretazione di autori antichi ed infine, il 23 marzo 2013, a chiudere l'avvincente passerella teatrale ci penseranno gli interpreti del Musical  “Oliver Twist” tratto dall’omonimo romanzo di Charles Dickens.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©