Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Partito a Napoli il progetto "mettiamo a dieta il cassonetto"


Partito a Napoli il progetto 'mettiamo a dieta il cassonetto'
05/05/2011, 10:05

E’ partito a Napoli, con la presentazione presso la scuola media statale Tito Livio, il progetto del Forum Nazionale dei Giovani “mettiamo a dieta il cassonetto”, Patrocinato dalla I Municipalità di Napoli, in collaborazione con le associazioni Fare Verde e Nuovo Avvenire onlus.

<< Il progetto coinvolgerà bambini di scuole elementari e medie in un percorso innovativo di educazione ambientale - affermano Mario Testa, vicepresidente della Commissione Ambiente del Forum Nazionale dei Giovani e Stefano Pisaniello, presidente dell’associazione campana Nuovo Avvenire onlus - Dopo aver partecipato ad alcune lezioni formative, un gruppo di bambini svolgerà direttamente una azione di sensibilizzazione sulla riduzione dei rifiuti rivolta agli altri bambini delle scuole interessate. Successivamente, tutti i bambini coinvolti nel progetto, si divideranno in gruppi di lavoro e porteranno il loro bagaglio di informazioni all'interno di famiglie e luoghi di aggregazione, come gruppi
sportivi e parrocchie >>.

<< L'obiettivo – continua Testa - è quello di coinvolgere tutta la I Municipalità di Napoli, per estendere poi le iniziative ad altri territori della città, in un percorso virtuoso di riduzione del volume complessivo dei rifiuti prodotti, che dovrebbe sempre precedere la fase della raccolta differenziata per il riciclaggio>>. La formazione sulla differenziata è prevista nella seconda fase del progetto.

<< Ringrazio il Forum Nazionale dei Giovani per aver portato questo progetto innovativo su Napoli ed il Presidente Chiosi per averci creduto sin dal primo momento – conclude Pisaniello – In una realtà critica come quella napoletana riteniamo sia indispensabile avviare sin da subito una serie di percorsi formativi che forniscano alle giovani generazioni gli strumenti culturali e le conoscenze necessarie a far sii che la città, nell’ immediato futuro, non si ritrovi mai più nella vergognosa condizione degli ultimi anni. >>.

Nel progetto è coinvolta l'associazione ambientalista Fare Verde. << È significativo parlare a Napoli di metodi per la riduzione dei rifiuti - afferma Massimo De Maio, presidente nazionale di Fare Verde – La raccolta differenziata è importante, ma da sola non basta a gestire la montagna di imballaggi inutili e di oggetti usa e getta che inondano non solo Napoli, ma tutta l'Italia. Dai prodotti alla spina all'abolizione dell'usa e getta nelle mense scolastiche, ci sono decine di azioni che già sono state sperimentate in tutta Italia con ottimi risultati. Ci auguriamo – conclude De Maio -
che anche la I Municipalità di Napoli possa intraprendere questa strada virtuosa >>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©