Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Una giornata dedicata ai diversamente abili

Peepul: Una regata per continuare a sognare


.

Peepul: Una regata per continuare a sognare
26/09/2011, 12:09

NAPOLI - Una meravigliosa giornata di sport e solidarietà quella organizzata dall'Associazione Peepul, mirabilmente guidata da Ileana Esposito Lepre, un evento che partendo dalla regata velica dei diversamente abili a finire con il convegno internazionale "Mari Globali - la Vela per i disabili" ha puntato i riflettori su un mondo incredibile, fatto di passione, tenacia ed amore. 'Abili nel vento Campioni di vento', questo lo slogan che, nell'ambito del progetto promosso dal volontariato 'I can Sail', ha portato tanti ragazzi affetti da disabilità a gareggiare ed ha vincere la loro piccola grande battaglia contro la diversità che oggi è sempre più una preziosa risorsa in una società in continua mutazione. Un giorno intero con i ragazzi dall'Associazione Peepul, con il loro coraggio, i loro sorrisi, le loro speranze, legate anche alla velaterapia, ed a tutti quei percorsi sportivi che conducono queste persone a sentirsi pienamente integrate. Esperienze a confronto: da molte parti d'Italia sono giunte testimonianze di altre associazioni di volontariato che hanno condiviso con la Peepul metodologie e strategie sportive atte a consegnare speranza a tante persone. Toccante l'esperienza della vincitrice del premio speciale, la non vedente Giulia di Piazza, la cui forza d'animo ed il cui coraggio hanno commosso tutta la platea. L'importante evento, reso possibili dalla sezione Nautica dell'Aeronautica Militare, e grazie al sostegno economico della Fondazione Cannavaro-Ferrara e del CSV di Napoli e provincia, ha goduto anche del contributo del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dal convegno è emersa l'importanza fondamentale di continuare ad avere i fondi necessari per poter organizzare questi eventi sportivi che sono la linfa vitale di chi ha questo unico modo per continuare a sorridere.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©