Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Penultima serata per Non solo Solo, la rassegna promossa al Teatro Nuovo dal CDTM


Penultima serata per Non solo Solo, la rassegna promossa al Teatro Nuovo dal CDTM
09/03/2012, 12:03

Napoli, 9 marzo 2012 Penultima serata per Non solo Solo, la rassegna promossa al Teatro Nuovo dal CDTM - Circuito Campano della Danza nell'ambito del cartellone QUELLI CHE LA DANZA.

Sempre due gli spettacoli previsti.

Alle 20.30 in Sala Assoli torna su un palcoscenico partenopeo la creazione di Emma Cianchi "Il caos dei cinque
- Tempo, spazio, segni naturali e immaginari che creano la realtà ...", prodotta dalla Fondazione Campania dei Festival e Napoli Teatro Festival Italia in collaborazione con Fondazione Idis Città della Scienza Napoli e ArtGarage. "Il caos dei cinque" è uno spettacolo di danza contemporanea e di ricerca che, partendo da concetti matematici e prendendo spunto dal numero 5, mette in evidenza la relazione che c’è tra la matematica e il corpo. Cinque è il numero che rappresenta il cosmo; è il numero dei pianeti visibili ad occhio nudo; è il quinto numero della serie di Fibonacci; è il numero minimo di ripetizioni di un quadrato all’interno del rettangolo aureo per ottenere una curva detta SPIRALE AUREA. 5 sono i sensi, le dita di una mano, i righi di un pentagramma. La creazione è il risultato di una continua contaminazione tra forme visive, sonore e dinamiche di movimento, basate sulle regole della percezione dei nostri sensi, che crea un ‘ibrido’ tra principi matematici, installazione e composizione coreografica. Regia e coreografia sono di Emma Cianchi, le Videocreazioni di Gilles Dubroca, danzano Gabriel Beddoes, Francesco Colaleo, Marco delle Foglie, Roberta De Rosa, Sonia Di Gennaro. (Musica e Suono: Dario Casillo - Raffaele Lopez; Video interazioni: Sebastiano Basile; Realizzazione animazione grafica: MDUE srl; Costumi:
Ines Torino; Supporto Creativo video: Alessandra Franco; Assistenti alla coreografia: Antonello Tudisco – Michela Ricciardi; Collaborazione artistica: Valentina Romito; Consulenza scientifica Luigi Sauro).

Alle ore 22.00 in Sala Grande la Compagnia C.ie Twain presenta "Lei e Tancredi - Denunce di corpi parlanti" di Loredana Parrella. Partendo dall’analisi delle relazioni che intercorrono tra alcuni personaggi scelti all’interno della "Gerusalemme Liberata" di Torquato Tasso (Olindo e Sofronia, Tancredi e Clorinda, Erminia e Clorinda, Rinaldo e Armida, Erminia e Tancredi, Clorinda e Argante), spinta dall’esigenza di riscoprire il sapore e il profumo della lotta e dell'infaticabilità, di cercare anche un solo elemento di chiarezza, la Parrella cerca di focalizzare l’attenzione non sul minimale dell'esistenza ma su ciò che gli sta dietro, sulla storia; ecco che Tancredi e Clorinda, gli amanti impossibili, gli infaticabili, diventano i corpi parlanti nei quali si attua quel necessario distacco dalla stanchezza e dalla rinuncia, devastanti epidemie del nostro tempo. "Ricercare la forza dei significati, in un periodo storico così potentetemente segnato dalla massificazione del pensiero e dei corpi mi ha portato a riflettere e a interrogarmi sulla figura dell'eroe
- spiega la coreografa - sul suo essere troppo umano, fino a disumanizzarsi, fino a staccarsi completamente da qualsiasi condizionamento, in nome di un credo e di una fede, al di sopra di tutto e di tutti. Una visione ideale e apparentemente astratta come quella dell’eroe è per me uno stimolo per andare a recuperare una singolare condizione con la vita, rivalutando l’azione come potenziale di continuità, a patto che non si arresti davanti alla singola conquista, ma che sia punto di partenza per gettarsi in una lotta sana e costruttiva capace di produrre forze attive". Coreografie, regia, drammaturgia e costumi sono di Loredana Parrella, il Disegno luci di Cesare Lavezzoli, Assistente alla coreografia Alain Elsakhawi. Sulla musica rielaborata da Alessandro D’Alessio danzano Carmen Fuentes Guaza, Camilla Zecca, Elisa Teodori, Alain Elsakhawi, Fernando Pasquini, Yoris Petrillo, Giuseppe Cludio Insalaco.
La produzione AcT, in co-produzione con OFFicINa di triangolo scaleno teatro, è stata realizzata con il sostegno del MiBAC – Ministero per I Beni e le Attività Culturali, conquistando diversi riconoscimenti: Progetto finalista Premio Equilibrio 2008, Spettacolo vincitore del Bando Fuori Rotta 2010/11, Milano Areapergolesi, Premio MarteAwards Miglior Compagnia 2010.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©