Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Per Trianon music live, settimana con Enzo Decaro, Antonio Onorato ed Enzo Gragnaniello


Per Trianon music live, settimana con Enzo Decaro, Antonio Onorato ed Enzo Gragnaniello
10/10/2012, 10:35

Per Trianon music live, venerdì 12 ottobre, alle ore 21, Enzo Decaro e Antonio Onorato con il suo quartetto proporranno, in “prima” nazionale, Chet c’è. Viaggio sulla vita e sulla musica di Chet Baker. È un omaggio al grande trombettista statunitense che sarà spiritualmente sul palco grazie alla voce di Decaro che ne interpreterà passi di vita, senza mai interferire, come solo nei grandi concerti di jazz accade, con l’alternarsi degli altri strumenti. Con lui Onorato alla sua breath guitar, una chitarra esclusiva in cui la forza, l’intensità e le dinamiche sono gestite attraverso l'emissione del fiato del musicista e non dalla pennata o dall’arpeggio. Quindi, ci sarà la chitarra, ma ci sarà anche la tromba a eseguire le note di celebri brani come My funny Valentine, Alone together e My one and only love. Ad accompagnare Decaro e Onorato alcuni tra i musicisti jazz più importanti della scena italiana: Piero De Asmundis al piano, Domenico Andria al contrabbasso e Mario De Paola alla batteria.

L’altro appuntamento della settimana del teatro pubblico della musica è sabato 13, sempre alle ore 21, con Enzo Gragnaniello. Il suo concerto, intitolato Neapolis mantra. Canzoni di rabbia canzoni d’amore, spazia dalle antiche origini napoletane a quelle africane per arrivare ai più tipici suoni mediterranei con accenni di melodie più che suggestive: da Passione a Scetate, passando per i suoi classici, come ‘O mare e tu, scritta per Andrea Bocelli, Senza voce e quella Cu’ mme che è uno dei brani più famosi all’estero dell’artista dei Quartieri spagnoli, tradotta in otto lingue entrando nelle hit in Grecia e America Latina. Ospite della serata la cantante di origine tunisina M’Barka Ben Taleb. Accompagnano Piero Gallo alla mandolina, Emidio Petringa alla batteria e percussioni ed Erasmo Petringa all’oud e violoncello

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©