Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

"Percorsi dipinti" a Treviso - proroga e presentazione catalogo


'Percorsi dipinti' a Treviso - proroga e presentazione catalogo
14/11/2011, 13:11

Treviso, 14 novembre 2011 – Chi ancora non avesse avuto modo di passare in rassegna i nove spazi espositivi della mostra Percorsi dipinti – sguardi quotidiani su Treviso avrà a disposizione una settimana in più per ammirare le oltre 100 tele di Paolo del Giudice in cui la città si specchia. La personale diffusa del maestro trevigiano sarà prorogata infatti fino al 27 novembre prossimo, anche in considerazione degli ottimi dati di affluenza registrati dal primo ottobre ad oggi. Domenica 20 novembre, alle 16, all'interno del complesso di Santa Caterina si terrà invece la presentazione del catalogo fresco di stampa.

Oltre 3000 i visitatori nello spazio del Battistero del Duomo (1100 quelli che hanno lasciato firme e commenti), più di 1.300 quelli che sono entrati al Museo di Santa Caterina solo per visitare la mostra nella Sala Ipogea, cui si aggiungono coloro i quali hanno scelto di visitare con l'occasione l'intero complesso museale. Senza contare i tantissimi visitatori, armati di piantina, visti girare di chiesa in chiesa, di museo in palazzo. La formula inedita di questa mostra diffusa, che invita a riscoprire la città reale attraverso la sua immagine dipinta, ha davvero riscosso l'interesse e il plauso di turisti e cittadini. E oltre all'emozione della riscoperta e della pittura, la personale di Paolo del Giudice lascia alla città e a chi la ama un prezioso souvenir sotto forma di catalogo.

Disponibile dal 29 ottobre, il volume edito dalla Fondazione Compiano, con testi di Ennio Pouchard, Isabella Panfido, Paolo Feltrin e Paolo del Giudice, si compone di 168 pagine suddivise in nove capitoli corrispondenti ai luoghi espositivi e documenta sia le singole opere che i vari allestimenti. All’incontro di presentazione, in programma domenica 20 novembre, parteciperanno, assieme all’artista, autorità, esponenti della cultura, della critica e del giornalismo. Sarà un momento anche per fare il punto sul successo dell’iniziativa, che ha coinvolto migliaia di visitatori, dai singoli al mondo della scuola e dell’associazionismo, creando un’occasione unica di riscoperta e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e ambientale della città.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©