Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

"Percorsi Sensoriali" al Tunnel Borbonico


'Percorsi Sensoriali' al Tunnel Borbonico
12/04/2012, 16:04

Sabato 14 aprile presso il Tunnel Borbonico di Napoli (ore 19.30 Vico del Grottone 4), parte la kermesse ‘’Percorsi Sensoriali’’, un calendario di appuntamenti che si concluderà sabato 9 giugno 2012.
Nella suggestiva location del Tunnel, godendo della perfetta acustica che lo caratterizza, si potrà assistere a concerti di musica classica con delicate coreografie di danza, spettacoli teatrali come “Sub Urbe – emozioni sottovoce” a cura dell’Associazione culturale NarteA, in cui alcuni attori riporteranno in vita personaggi legati alla storia e alle vicende del luogo, e performance di pittura.
Assieme alla Napoli che immaginavi, cosmopolita, moderna, esterofila, che si muove sui veloci catamarani e le barche a vela dell’America’s Cup, esiste anche la Napoli che non ti aspetti, quella del sottosuolo che ha visto un avvicendarsi di epoche, storie e vite, suggestivo labirinto di cunicoli dove riecheggia ancora l’anelito di libertà dei rifugiati. Una città sotto la città, che si può ammirare passeggiando nello splendido percorso sotterraneo del Tunnel Borbonico che attraversa Monte Echia.
“Il Tunnel – ci spiega Gianluca Minin presidente dell’associazione culturale Borbonica Sotterranea – voluto da Ferdinando II di Borbone, con un percorso che andava da Palazzo Reale a via Morelli, e utilizzato come ricovero bellico nel corso dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, vive, da pochi mesi, una nuova esistenza. È sì l’esempio tangibile di una storia che ci ha profondamente segnato, come popolo e civiltà, ma è anche la giusta destinazione per spettacoli e passeggiate suggestive. È un posto emozionante ed emozionale, e merita di essere visto e vissuto, magari approfittando di queste serate di musica e teatro.”
Il Tunnel è un luogo non luogo, da sentire, vedere, assaporare, toccare, partecipando agli appuntamenti di “Percorsi Sensoriali”, dove i concerti spazieranno dalle musiche originali di pianoforte e fisarmonica del Mᵒ Luca Amitrano, alle musiche di J. S. Bach suonate dal Mᵒ Luca Signorini primo violoncello del Teatro San Carlo e al concerto per arpa del Mᵒ Gianluca Rovinello, passando dall’esibizione della corale polifonica “Città di Ercolano e Somma Vesuviana” con le musiche della tradizione napoletana, finendo con “La serva padrona” di Pergolesi, rappresentazione di teatro comico in musica con l’orchestra diretta dal Mᵒ Keith Goodman. Immagini, musica, suggestioni, per incontrare la città che fu nel Tunnel Borbonico che è, ad oggi, l’esempio più affascinante e ricco di storia di tutta Napoli sotterranea.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©