Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

L’equobar diventa equo teatro

Pietro Juliano porta in scena “uno spettacolo genuino come il vino al metanolo”


Pietro Juliano porta in scena “uno spettacolo genuino come il vino al metanolo”
09/05/2012, 12:05



Sabato 12 maggio, alle ore 21.30, l’Equobar di San Sebastiano al Vesuvio punterà i suoi riflettori su uno spettacolo ideato, scritto e interpretato da Pietro Juliano. Un titolo singolare “Occhio di bue” (qualcosa di teatrale) per uno spettacolo che può indurre a pensare al biscotto farcito, o all’ovetto amorevolmente preparato da mammà, solo chi non conosce la veemenza, lo spirito caustico e il tocco mordace di Pietro Juliano.
Gli uomini quando sono in due si confidano segreti, in tre fanno considerazioni filosofiche, in quattro giocano a scopa, in cinque a poker, in sei parlano di calcio, in sette formano un partito del quale aspirano segretamente alla presidenza e in otto formano un coro di montagna. Occhio di Bue è solo. È un capo tribù indiano, è il nome di una ricetta super-veloce, è lo strumento utilizzato per l’illuminazione, è un uomo che parla perché non ha niente da dire, è un contorsionista che a volte si monta la testa. Occhio di Bue non sarà mai come tu lo vuoi, fa già troppa fatica ad essere sé stesso. Occhio di Bue è una svista con la lente di ingrandimento, è un emorroide agli arresti domiciliari, è una testa con la bocca piena ma soprattutto, Occhio di Bue non è uno spettacolo e, se tutto andrà bene, evidentemente qualcosa non ha funzionato! Chissà se si potrà raccontare l’esperienza di un non-spettacolo!

Equobar- Associazione Sott’ e’ ncoppa
Via L. Giordano, 24 – San Sebastiano al Vesuvio NAPOLI
Info e prenotazioni 081 5749320

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©