Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Pino Imperatore presenta Benvenuti in casa Esposito a Marano


Pino Imperatore presenta Benvenuti in casa Esposito a Marano
19/07/2012, 15:21

Pino Imperatore presenta Benvenuti in casa Esposito Venerdì 20 luglio – Ore 18:30 – Piazza Escrivà – MARANO (Napoli)  Presentazione a cura del Forum Terzo Settore di Marano

Il rione Sanità, dove è nato il principe della risata Totò, è uno dei più affascinanti e misteriosi di Napoli. Qui vive, con la sua famiglia allargata, Tonino Esposito, orfano di un boss della

 

 

camorra. Tonino riceve dal clan un sussidio mensile  e potrebbe vivere di rendita. Invece si intestardisce  a voler imitare le gesta paterne, senza riuscirvi.

 

 

 

Perché è goffo, sfigato, arruffone, incapace  di difendersi: un antieroe tragicomico e decadente,  che tra incubi e visioni, ingenuità e imbranataggini,  ne combina di tutti i colori.

Uno spaccato divertente e allo stesso tempo  crudele della Napoli contemporanea, città dalle mille contraddizioni e dalle tante  difficoltà, capace però di non perdere mai  la speranza per un futuro migliore.

 

 

DALLA NOTA DELL’AUTORE:

 

Benvenuti in casa Esposito non è un libro sulla camorra, ma dentro la camorra. Ne esplora la sua quotidianità. Ne offre una visione dal basso, non dall’alto.
Certo, è un romanzo, e come tale va considerato. In alcune parti potrà sembrare eccessivo. Credetemi, non è così. Io non ho fatto altro che registrare e illustrare, mediante il formidabile strumento dell’ironia, fatti e personaggi che a Napoli si verificano e si incontrano tutti i giorni. Chiamatelo realismo comico, se volete. Più che in qualsiasi altro posto del mondo, a Napoli la realtà supera ogni fantasia.

 

Pino Imperatore è nato a Milano nel 1961 da genitori emigranti  napoletani.  Nel 2001 ha ideato e fondato a Napoli il Laboratorio di scrittura  comica e umoristica «Achille Campanile», dal 2005 è responsabile  della sezione Scrittura Comica del Premio «Massimo Troisi».  Benvenuti in casa Esposito è il suo primo romanzo.

 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©