Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Kermesse , tra messaggio sociale e promozione del territorio

Pomigliano Jazz Festival, al nastro di partenza

Si canta dai palazzi confiscati alla camorra

.

Pomigliano Jazz Festival, al nastro di partenza
05/09/2011, 15:09

NAPOLI – La sedicesima edizione del Pomigliano Jazz Festival nasce sotto la stella delle novità. Prima fra tutte la dislocazione delle esibizioni in varie location, al parco pubblico di Pomigliano si affianca Piazza Mercato, piazza storica della cittadina Vesuviana, poi ci si sposta a Cimitile presso il complesso delle Basiliche Paleocristiane, qui si terrà il primo concerto a pagamento dell’ evento, tutti gli altri saranno gratuiti. Motivo del ticket una raccolta di fondi che serviranno al restauro di uno degli affreschi del complesso monumentale. La terza location quella più significativa è ad Ottaviano, stiamo parlando di “Palazzo Mediceo” gioiello dell’ arte barocca, oggi sede dell’ Ente Parco Nazionale del Vesuvio, ma purtroppo ricordato ancora da tanti come la villa di Raffaele Cutolo, boss storico della camorra degli anni 80, oggi in carcere. Al camorrista fu confiscato e adeguatamente ristrutturato enne poi consegnato alla comunità lanciando uno dei segnali più forti di sconfitta della camorra. Oggi il Pomigliano Jazz Fastival si fa anche promotore turistico, infatti sono fruibili, gratuitamente, dei tour guidati lungo i territori coinvolti dalla manifestazione. Il festival, promosso dalla Fondazione Pomigliano Jazz e dal Comune di Pomigliano d'Arco con il contributo dell'assessorato al Turismo della Regione Campania, è organizzato nell'ambito di un progetto di valorizzazione del territorio vesuviano-sommese-nolano. Quest’ anno tra gli ospiti, Richard Galliano, Stefano Bollani, Michel Portal, Enrico Pieranunzi, Avishai Cohen, Rocco Papaleo, Raiz. Questa edizione tra messaggi alla legalità, rivalutazione e promozione dei territori vesuviani, nonché laboratori artistici per la divulgazione e la promozione di giovani artisti, ha tutti i numeri per un esplosione di successo.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©