Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La città mariana inserità tra i siti patrimonio dell'umanità

Pompei diventa patrimonio dell'Unesco


.

Pompei diventa patrimonio dell'Unesco
25/02/2010, 14:02

POMPEI – La città mariana diventa patrimonio dell’Unesco. Il giorno tanto atteso per la città di Pompei è arrivato. Dopo oltre tredici anni dalla decisione di inserire la Pompei vecchia, rappresentata dai rinomati scavi, tra i patrimoni dell’umanità, oggi anche la “città nuova” diventa simbolo culturale a livello mondiale.
Questa mattina al municipio di Piazza Batolo Longo, incontro diplomatico tra il sindaco Claudio D’Alessio ed il Presidente dell’Associazione Città e Siti Italiani Patrimonio Mondiale, Claudio Ricci. L’ingresso di Pompei nell’associazione segna così un passo importante per lo sviluppo economico, turistico e culturale della città. Una partecipazione frutto anche dell’intesa tra D’Alessio e Ricci, quest’ultimo anche sindaco in pectore della città di Assisi, molto vicina per tradizioni religioso-culturali a quella pompeiana.
“Veniamo con onore- afferma ai nostri microfoni Claudio Ricci -  a fare visita ad una città illustre come quella di Pompei. Una città che finalmente diventa patrimonio dell’Unesco ed entra a far parte della nostra associazione che continua a crescere e raccogliere adesioni lavorando sul territorio nazionale”. Una crescita costante, con forze economiche di rilievo. Le stesse che daranno luce a progetti a breve termine di promozione in tutta Italia delle quarantaquattro città patrimonio dell’Unesco. “Abbiamo già avviato – continua il presidente dell’Associazione Città e Siti Italiani Patrimonio Mondiale- un accordo di massima con alcune aziende, come Clementoni e Panini, per la creazione di merchandising di promozione dei nostri siti. Inoltre nella primavera del 2012, anno del quarantesimo anniversario della nascita della nostra associazione, sposeremo le più importanti tappe del Giro d’Italia nelle nostre città. Un progetto che, di logica, riguarderà anche la città di Pompei”.
E al futuro guarda anche il sindaco della città mariana, Claudio D’Alessio: “Un onore per Pompei entrare a far parte dei siti patrimonio dell’Unesco. Coroniamo questo sogno a più di dieci anni di distanza dalla scelta degli scavi come patrimonio mondiale. Tra due anni, nell’anno del quarantennale dell’associazione, ci proponiamo grandi eventi per la nostra città che aprirà le porte anche ad altri siti nazionali”.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©