Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Save the Children: “Ennesimo divario Nord-Sud”

Povertà: al Mezzogiorno 410mila minori poveri


Povertà: al Mezzogiorno 410mila minori poveri
02/08/2011, 15:08

Povertà per i minori italiani maggiormente concentrata al Sud. Nella parte meridionale dello Stivale, infatti, sono 410.000 i bambini e gli adolescenti che vivono in povertà assoluta. La denuncia arriva da “Save the Children”, che con “Fondazione con il Sud” avvierà, il prossimo 30 settembre a Napoli, una conferenza programmatica sui diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza nel Mezzogiorno. Tale iniziativa prende il nome di “Crescere al Sud” e da oggi è on line il nuovo sito www.crescerealsud.it per accogliere adesioni e contributi all’evento attraverso diversi forum tematici di discussione: comunità educante; lotta alla povertà, vecchi e nuovi bisogni; cittadinanza e legalità; gioco, ambiente e salute.
Venendo ai dati allarmanti però è emerso che la povertà al Sud è alta più del doppio che nel resto dela Paese e colpisce in particolare le famiglie con bambini. I dati parlano di un divario abissale per esempio tra le possibilità di apprendimento di uno studente del Sud rispetto a uno del Nord Italia. E questo non ha nulla a che vedere con le caratteristiche e le capacità individuali: la dispersione scolastica, fenomeno presente in tutto il Paese, raggiunge picchi più alti al meridione perché si collega a fenomeni di sfruttamento sul lavoro minorile e di coinvolgimento dei minori in circuiti di illegalità. Paradosso poi è che proprio nelle regioni del Sud la spesa sociale per l’infanzia e i servizi socio educativi sono più carenti. Questo non vuol dire però che nel Mezzogiorno manchino esperienze di eccellenza per l’infanzia e l’adolescenza: proprio in materia, infatti, le regioni meridionali dispongono di un patrimonio di esperienze di altissimo valore.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©