Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Povertà minori in Italia: Save the Children ed Enel Cuore lanciano a Napoli La Buona Tavola


Povertà minori in Italia: Save the Children ed Enel Cuore lanciano a Napoli La Buona Tavola
13/03/2012, 11:03

Povertà minori in Italia: Save the Children ed Enel Cuore lanciano a Napoli La Buona Tavola, un programma di contrasto alla povertà alimentare in tre città pilota Interventi di sensibilizzazione, informazione e sostegno nelle aree urbane a rischio di Napoli


Giovedì 15 marzo 2012 p.v. alle ore 11.00 presso la sala Giunta del Comune in Piazza del Municipio a Napoli, Save the Children ed Enel Cuore Onlus presentano, insieme al Sindaco Luigi De Magistris, La Buona Tavola, un importante e innovativo programma biennale di intervento a contrasto della povertà minorile e di quella alimentare in particolare, realizzato a Napoli e in altre due grandi città italiane (Roma e Torino).

A partire dal commento dei dati relativi all’allargamento della povertà minorile e all’evoluzione del fenomeno della povertà alimentare, verranno presentate le azioni di sensibilizzazione, informazione e sostegno previste da La Buona Tavola a Napoli e realizzate sul territorio partenopeo in collaborazione con la Cooperativa L’Orsa Maggiore. Sarà anche l’occasione per fare il punto sul tavolo di Coordinamento costituito a Napoli lo scorso febbraio per coinvolgere istituzioni locali, scuole, pediatri, Asl, organizzazioni del terzo settore e altri attori sociali ed economici attivi sul territorio nel monitoraggio del fenomeno della povertà che colpisce i minori e nella realizzazione di un vero e proprio piano di contrasto cittadino.

All’incontro interverranno: il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, Raffaela Milano (Direttore programmi Italia Europa di Save the Children Italia), Novella Pellegrini (Segretario Generale di Enel Cuore Onlus), Sergio D’Angelo (Assessore alle Politiche Sociali e Politiche dell’Immigrazione del Comune di Napoli) e Annamaria Palmieri (Assessore alla Scuola e all’Istruzione del Comune di Napoli).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©