Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

La ricerca valuta diversi indicatori: lavoro e socialità

Prato e Pistoia: due città a più alta vivibilità giovanile


Prato e Pistoia: due città a più alta vivibilità giovanile
03/06/2011, 12:06

Giovani in cerca di un lavoro che trovano con difficoltà, giovani precari in bilico, giovani scoraggiati. Eppure ci sono realtà provinciali in Italia in cui gli under 30 hanno più occasioni e vivono meglio. Come a Prato e a Pistoia, che, secondo la classifica stilata dall’Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza, risultano essere le province più “vicine” ai giovani, con un più alto Indice di Vivibilità Giovanile in Italia. L’indice prende in considerazione 21 indicatori: dai parametri economici e demografici (il tasso di occupazione e di disoccupazione giovanile, le imprese con titolare under 30 e la loro densità territoriale, il numero delle imprese con titolare under 30 in difficoltà, il rapporto tra popolazione giovane e totale) a quelli sociali (i servizi alla persona legati ai giovani, dagli impianti sportivi ai locali di ritrovo e di socialità, i luoghi di cultura, la rete distributiva).
A Prato e a Pistoia i giovani under 30 vivono meglio, hanno più opportunità a livello lavorativo e più possibilità di trovare facilmente luoghi culturali, di aggregazione e per il tempo libero, oltre agli esercizi commerciali. Subito dopo le province toscane troviamo Savona e Torino, seguiti da Genova, quindi Rimini, Milano, Firenze, Trieste e Lucca.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©