Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Premio A.Zanibelli: "Nel folle volo..." di Cuzzolin Editore secondo classificato


Premio A.Zanibelli: 'Nel folle volo...' di Cuzzolin Editore secondo classificato
10/10/2013, 14:45

Roma - Nell’esclusivo scenario dell’Ambasciata di Francia in Italia con sede in Roma a Palazzo Farnese, si è svolta la serata conclusiva del Premio Letterario “Leggi in Salute Angelo Zanibelli 2013” dedicato alla letteratura come motore culturale per la discussione ed il progresso del welfare sanitario. L’evento ha premiato l’opera letteraria inerente questi temi che si sia distinta per valore scientifico, chiarezza espositiva, originalità, valore comunicativo e ricaduta sociale. “Nel folle volo. I disturbi comportamentali dei nostri figli” di Luigi Intoccia della Cuzzolin Editore si è aggiudicato il 2° posto nella classifica finale, vinta da “Dolce di mio. Come convivere con il diabete” scritto dalla senatrice Emanuela Baio. A fare gli onori di casa è stato l’ambasciatore di Francia in Italia Alain Le Roy. La giuria indipendente, presieduta da Gianni Letta, composta da rappresentanti del mondo delle istituzioni nazionali e regionali, esperti sanitari e specialisti in comunicazione sanitaria, ha espresso le proprie preferenze alla presenza del notaio Paride Marini Elisei. L’editore Maurizio Cuzzolin, ha scelto come testimonial per la presentazione del libro alla giuria, la conduttrice del Tg1, Barbara Carfagna, esperta in neuroscienze, coadiuvata dall’autore, Luigi Intoccia, psichiatra e psicoterapeuta. Il loro intervento ha messo in evidenza le tante problematiche riguardanti il mondo della Psichiatria e dunque del disagio con conseguenze e ricadute sociali, in particolare su: 
- L’incidenza dei costi sulla spesa pubblica. Ogni anno si spendono 14miliardi di euro in ambito psichiatrico-neurologico, l’equivalente di una manovra finanziaria. 
- La totale mancanza di prevenzione in Psichiatria. La Schizofrenia si manifesta tra i 16 ed i 24 anni ma il disturbo mentale nasce circa 7 anni prima. In questi primi sette anni i danni cerebrali per un bambino e/o per un adolescente diventano irreparabili. 
- La trasversalità di queste problematiche ha ricadute su tutte le componenti del vivere sociale, genitori, insegnanti, medici, educatori, che non potendo fruire di un sistema virtuoso di prevenzione e coordinamento, li vede spesso impotenti difronte alla malattia ed alla sua gestione. Durante la cerimonia è intervenuto il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, intervistata da Antonio Polito, editorialista del Corriere della Sera e conduttore della serata. Entrambi, a votazione ultimata ed a verdetto non ancora pronunciato, hanno dichiarato alla platea che “Nel folle volo” avrebbe meritato la vittoria, ed anche se così non è stato, siamo comunque orgogliosi del consenso e del risultato ottenuti. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©