Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Premio Letterario Letizia Isaia 9° Edizione


Premio Letterario Letizia Isaia 9° Edizione
26/10/2011, 11:10

Tutti gli ospiti della sinistra hanno disertato la Cerimonia per il Premio dato a Iovino per il suo libro “Il Ritratto di un Principe”, un Premio dato ad un libro scritto bene senza favoritismi né provenienze politiche.

“…Iovino ha voluto dare corpo ad un ritratto equilibrato di Berlusconi….una lucida analisi di Berlusconi e del Berlusconismo…” , sono alcune righe tratte dalla Prefazione di Franco Frattini al Saggio di Alessandro Iovino che è Vincitore per la Sez. Saggistica della 9^ edizione del Premio Letterario Letizia Isaia.

La simpatia e la libertà di idee del Conduttore della Cerimonia, Stefano Campagna del TG1 che racconta alla platea l’amarezza per l’assenza dei colleghi che con una telefonata giunta di buon’ora annunciano la loro assenza a causa della vittoria del libro di Iovino sul Berlusconismo. La desolante parentesi però è stata subito superata dalla verve dello stesso Stefano Campagna che ha continuato a condurre e ad attirare l’interesse del numeroso pubblico proveniente da tutt’Italia e delle autorità presenti. Hanno ricevuto a Roma il premio "Prestigio professionale" conferito a personalita' che si distinguono 'per la professionalita' dimostrata nei campi in cui sono impegnati'. Il riconoscimento e' stato conferito a sette personalità nell'ambito del Premio letterario 'Letizia Isaia', concorso nazionale di narrativa, saggistica e poesia giunto alla sua nona edizione, che ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. La cerimonia di premiazione si e' svolta nella “Sala Benedetto Croce” sede della Regione Campania e ha visto protagonisti giornalisti e scrittori del panorama nazionale".

Ecco i nomi delle Personalità che hanno ricevuto il “Premio Prestigio Professionale” iniziando dal Dott. Piero Angela che abbraccia la platea e si fa fotografare, mentre l’On.le Gabriella Giammanco racconta quanto le manca la professione di giornalista che da parlamentare ha dovuto abbandonare. Marina Nalesso che è stata premiata per il “Per il modo coraggioso e scrupoloso di affrontare la professione di Giornalista” a seguire un’altra donna, Anna Maria Boniello, premiata perché racconta su “Il Mattino” tutti gli aspetti della vita culturale e sociale dell’Isola di Capri, Premio Prestigio Professionale anche al Notaio Elio Casalino, a Vittorio Emiliani e al Pianista Aldo Tramma.

Entusiasta Valentina Bisti di ricevere una Targa nella sua funzione di “Madrina del Premio”, una Targa a Stefano Campagna che oltre ad essere componente della giuria è stato l’animatore del Premio, una targa anche agli altri componenti, tra cui l’Avv.Angelo Centola e, orgogliosamente una targa al “Presidente Onorario del Premio” Prof. Gennaro Sangiulano, Vice-Direttore del TG1.

Hanno ricevuto il Premio per le varie sezioni del Concorso: Maurizio Pagano per la Narrativa, con il libro “A quei tempi” Loffredo Editore; per la Saggistica Alessandro Iovino con il libro “Il Ritratto di un Principe” Edizioni scientifiche Italiane; un premio della Giuria per la Narrativa a Rosanna Rivas con il libro “La luce del deserto” Edizioni Albus.

Sono stati altresì premiati gli elaborati : per la Poesia Italiana ex aequo Marco Borruto Caracciolo con “Il rumore dei sogni” e Vincenzo Aruta con “Napoli è”; per la Poesia Napoletana Maria Maddalena Buonocore con “Eduardo sta durmenno?”; per la Sezione Alda Merini ha vinto Federica Marengo con la poesia “Silenzio”; Vince per la sezione Risorgimento Piero Gai di Feltre Belluno con “Cacciatore di Nuvole”, la sezione Narrativa è vinta da Alba Coglitore di Palermo con “Il Canto del mare”. Brani delle opere premiate sono state lette da Fanny Marino, intervalli di canzoni e melodie napoletana eseguite da Luciano Greco. La serata si è conclusa in allegria in uno storico Ristorante di Roma a cui ha preso parte il Direttore del TG1 Augusto Minzolini .

Stefano Campagna, durante la Cerimonia, ha simpaticamente letto al pubblico una parte della prefazione di Domenico Rea ad un libro di Letizia Isaia alla quale ha chiesto com’è nato il premio: “ Il Premio è nato nel 2001 quando l’allora Presidente della Regione Campania incaricò l’Associazione Culturale Centro Storico” di Napoli di intestarmelo. Almeno due i motivi, l’aver dato vita nel 1981 con il mio libro edito dalla Sen, “Napoli dentro e fuori” al Nuovo Linguaggio Italiano/Napoletano, molto adottato e seguito e la nascita nel 1983 del Nuovo Genere Letterario Narrativa/Saggistica con il mio libro “La Nuova Cultura del Mezzogiorno” ediz.V.Pironti. Molti giovani che partecipano al Premio mi chiedono “chi era” Letizia Isaia, ed allora perché i giovani non rimangano ignoranti, si rende necessario fare chiarezza e luce su una pagina della storia culturale italiana.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©