Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Premio letteratura Enogastronomica al filosofo Paolo Rossi


Premio letteratura Enogastronomica al filosofo Paolo Rossi
01/09/2011, 15:09

Al filosofo Paolo Rossi il Premio di Letteratura Enogastronomica Riconoscimento per il giornalismo a Santa di Salvo
 
Domani, 2 settembre, i sindaci di Amalfi, Minori e Vietri sul Mare cucineranno i prodotti tipici della Costiera nel corso di un evento Peroni
 
Paolo Rossi con il libro “Mangiare”(Bisogno, Desiderio, Ossessione), edito da Il Mulino, è il vincitore della decima edizione del Premio di Letteratura Enogastronomica “Minori - Costa d’Amalfi”. Lo ha stabilito la giuria presieduta da Tullio Gregory e composta e composta da Andrea Di Porto, Oberdan Forlenza, Giuseppe Liuccio, Gualtiero Marchesi, Luca Maroni, Maria Concetta Mattei, Antonio Porpora, Lidia Ravera e Andrea Realeriunitasi stamani a Minori.
 
Il podio di completa con il secondo premio a Roberta Schira, autrice di un libro scritto a quattro mani con Alessandra De Vizzi e dal titolo “Le Voci di Petronilla” (Salani Editori), e terzo premio a Germana Militerni Nardone (L’unità d’Italia sul Piatto edito Guida).
 
Paolo Rossi, che nel suo libro “analizza, con riflessioni acute le nostre abitudini alimentari (sottolinenadone – si legge nella motivazione - le patologie , quali anoressia e bulimia innanzitutto, ma ripercorrendo anche le varie fasi storiche dell'umanità che ha conosciuto carestie e miserie ed offrendo, altresì, validi insegnamenti per una sana e corretta alimentazione non condizionata dalle mode che fanno tendenza), è filosofo e storico della scienza e vanta al suo attivo la pubblicazione centinaia di saggi e articoli su riviste italiane e straniere.
 
La giuria presieduta da Tullio Gregory consegnerà inoltre il “Premio di Giornalismo”, sempre nell’ambito del settore enogastronomico, a Santa Di Salvo, firma storica e prestigiosa de Il Mattino di Napoli, ma non solo, che ha  tracciato nel corso degli anni “un percorso del gusto suggerendo ed esaltando qualità ed eccellenze della ristorazione campana nella ricca e varia prismaticità dell'offerta, innervata nella tradizione ma aperta anche alla creatività e all'innovazione, evidenziando le tipicità sia delle coste che delle zone interne”. “Le va riconosciuto il grande merito – si legge inoltre nella motivazione - di aver stimolato gli operatori a migliorare l’offerta nella consapevolezza che l’enogastronomia è un settore strategico per la promozione del turismo di qualità”.
 
Domani, venerdì 2 settembre alle ore 18 show in Piazza Cantilena di tre sindaci della Costiera: Alfonso Del Pizzo, Andrea Reale e Franco Benincasa, rispettivamente primi cittadini di Amalfi, Minori e Vietri Sul Mare. Per qualche ora si occuperanno di cucina, cimentandosi ai fornelli per la preparazione di tre pietanze rigorosamente a base di prodotti tipici della Costiera Amalfitana. All’evento, promosso dalla Peroni, partner dell’iniziativa,  parteciperà anche Sussana Petrone la co-conduttrice del programma tv di Italia Uno, Guida al Campionato. Mentre i sindaci si cimenteranno nella preparazione di alici marinate, frittura di pesce (cuoppo) e fresella con pomodorini e colatura, la Petrone spillerà in boccali la Peroni Gran Riserva servita in abbinamento ai tre piatti.
 
A seguire, nel corso della serata (ore 21sempre in Piazza Cantilena) dedicata a Ezio Falcone, anima del Gusta Minori e del Premio di Letteratura Enogastronomica, verrà consegnato il primo premio in memoria del compianto storico della gastronomia amalfitana ad Antonio Dipino, “gran patron”  di uno dei principali ristoranti della Campania: La Caravella di Amalfi.
 
La nuova edizione del Premio di Letteratura Enogastronomica “Minori Costa d’Amalfi” e del GustaMinori, che irromperà il 3 e 4 settembre, si inseriscono nel progetto “Racconti, valori e tradizioni nella dieta mediterranea dal Cilento alla Costa d’Amalfi”. L’iniziativa finanziata con fondi regionali ha come capofila il comune di Minori e accomuna tutti i paesi della Costiera Amalfitana ed il comune di Pollica per sviluppare un originale programma di valorizzazione sinergica dell’enogastronomia, del patrimonio naturale, dell’urbanistica e del modo di vivere.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©