Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Presentata la settima edizione di Scala Incontra New York


Presentata la settima edizione di Scala Incontra New York
31/07/2009, 20:07

Sarà la “Rinascita” il leitmotiv dell’edizione 2009 di “Scala incontra New York”, che prenderà il via nel comune più antico della Costa d’Amalfi dal prossimo 11 agosto. L’iniziativa, che gode del sostegno della Regione Campania, della Provincia di Salerno e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha stretto da quest’anno un’importante partnership con la Fondazione Italia-Usa, primo step di un percorso di collaborazione per rafforzare le fondamenta di quel ponte ideale che otto anni fa è stato lanciato verso New York. Per ricordare, senza dimenticare, l’apocalisse dell’11 settembre e rafforzare di anno in anno quei valori di pace e di solidarietà.
L’evento è stato presentato stamani a Napoli presso la Sala Giunta della Regione Campania dal vice presidente Antonio Valiante, dal sindaco di Scala Luigi Mansi, dal capo staff della Presidenza delal Provincia di Salerno, Alberico Gambino e dal presidente dell’Associazione Scala nel Mondo. Tra gli interventi anche quello dell’'On. Rocco Girlanda, Presidente della Fondazione Italia-Usa, di padre Edoardo Scognamiglio, Ministro Provinciale dei frati conventuali della Campania, e di Francesco Nati direttore artistico del Grand Tour.
La “Rinascita”, che caratterizza la nuova edizione dell’evento, si propone come un grido di speranza dopo trasformazioni e cambiamenti radicali registrati alla luce della crisi economica globale che ha sconvolto l’ultimo biennio. Ma è soprattutto un auspicio che parte dalla comunità di Scala, così generosamente a lavoro da anni per la realizzazione di un evento che sta caratterizzando il periodo estivo di tutta la Regione Campania con respiro nazionale e internazionale. Già, perché “Scala incontra New York” è ormai una realtà che non illumina solo la Costiera Amalfitana. La rassegna di eventi, anche quest’anno, attraverso la memoria, desidera segnare nuovi percorsi per il futuro con la consapevolezza del passato, i piedi nel presente e uno sguardo di speranza per l’avvenire. La manifestazione, che è nata intorno all’inaugurazione del primo monumento dedicato alla memoria delle vittime di quel terribile 11 settembre 2001 a New York, opera dell’artista Silvio Amelio e ora posto in maniera stabile in Piazza Municipio, proporrà una serie di appuntamenti spalmati tra i sei percorsi (cultura, tradizione, arte, memoria, spettacolo e ospitalità) che caratterizzano la nuova edizione.
Fiore all’occhiello del palinsesto 2009, oltre all’incontro con il Premio Nobel per la letteratura Dario Fo nella cornice della suggestiva piazza di San Pietro in Campoleone, è la presentazione in anteprima nazionale del libro di Aldo Cazzullo, firma autorevole del Corriere della Sera, dal titolo “L’Italia de noantri - Come siamo diventati tutti meridionali”, che sarà a Scala il 9 settembre. E poi, un inedito Lucio Dalla, che nell’ambito del Grand Tour (evento, anche questo sostenuto dalla Regione Campania e ospitato nella manifestazione Scala Incontra New York, che si propone come un workshop capace di raccogliere idee e suggestioni per dar vita, proprio a Scala, ad una Fondazione di Studi sul Viaggio in Italia, di alto profilo intellettuale, alla quale lavorerà anche Sir Ivor Roberts, rettore del prestigiosissimo Trinity College di Oxford che sarà a Scala il 4 settembre) si esibirà nel complesso architettonico della basilica di Sant’Eustachio che domina gli abitati di Amalfi e della frazione di Pontone. Tra le iniziative, oltre al Memorial Day, che si concluderà con un concerto di Fiorella Mannoia l’11 settembre, spicca l’incontro con le religioni del mondo per una giornata di preghiera per la pace. E per l’occasione saranno ben quattordici le delegazioni presenti: dai cattolici agli induisti, dai buddisti, alle tradizioni africane.
Tra gli appuntamenti, quello con il comico Dado, il cantautore Enzo Gragnaniello, e I ragazzi di Scampia che presenteranno a Scala il loro nuovo disco. Non mancheranno anche quest’anno presenze importanti come i Ministri Zaia, Ronchi, Rotondi e Brunetta, il giornalisti e corrispondente della Rai a New York, Giulio Borrelli, il vice sindaco di New York, Marty Markowitz, Presidente del Bureau di Brooklyn.
“Ancora una volta con questo evento, che va ben oltre la costiera Amalfitana e che ha ormai un respiro nazionale e internazionale – ha detto il vice presidente Valiante – la comunità di Scala segna nuovi percorsi per il futuro con la consapevolezza della memoria e la speranza dell’avvenire”.
“La rinascita, leitmotiv dell’edizione 2009 di “Scala incontra New York”, concetto speculare al declino, all’abbandono, è testimonianza diretta e tangibile della supremazia dell’uomo e del positivismo sulla retorica del pessimismo negativista - dice il sindaco di Scala, Luigi Mansi - Ci auguriamo che sia il linguaggio della verità, che non induce al pessimismo ma sollecita a reagire con coraggio e lungimiranza, lo strumento con il quale la società internazionale possa reagire alla sconvolgente crisi finanziaria che ha colpito l’intera economia mondiale”.
“La nostra manifestazione mira a legare insieme contrasti e quotidianità di un paese che umanamente e culturalmente ha tanto da offrire - dice il presidente dell’Associazione Scala nel Mondo, Ivana Bottone - ed è per questo che diverse saranno le location e le scenografie naturali dei nostri appuntamenti, perché bisogna conoscere per amare e bisogna tornare per non dimenticare”.

COLLEGAMENTI TELEVISIVI
Durante l’intera durata della manifestazione sono previsti collegamenti in diretta con Uno Mattina Estate, Rai News 24, Rete 4, nonché con i principali tg nazionali, mentre Linea Verde realizzerà una puntata interamente dedicata a Scala.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©