Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Questa sera la prima al Med

Presentato: "Genitori e figli: agitare bene prima dell'uso"


.

Presentato: 'Genitori e figli: agitare bene prima dell'uso'
22/02/2010, 13:02

NAPOLI - Mattinata ricca di impegni per il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Questa mattina all’Hotel Vesuvio è stato presentato il film “Genitori e Figli: agitare bene prima dell’uso” che  uscirà nelle sale il 26 febbraio e il successo sembra garantito.
La ricetta è vincente con la regia di Giovanni Veronesi, la comicità di Luciana Littizzetto, Silvio Orlando, senza dimenticare attori del calibro di Michele Placido, Margherita Buy, Elena Sofia Ricci e i giovani emergenti Emanuele Propizio, Andrea Fachinetti e Chiara Passarelli.
Il film riesce a parlare di temi importanti anche con il sorriso e mostra uno spaccato della società: il rapporto genitori-figli. Si racconta il confronto-scontro tra il mondo degli adulti e quello dei giovani toccando temi di attualità come il razzismo, il dialogo e la speranza di potersi comprendere per avere una serenità maggiore.
Il film è uno spaccato della vita sociale – conferma Aurelio De Laurentiis – il problema principale è la comunicazione e la diversità del linguaggio di oggi complica le cose”.
A proposito di rapporto genitori-figli, come si lavora a stretto contatto padre-figlio chiediamo a Luigi De Laurentiis: “Ci si confronta, può capitare che non ci troviamo su tutto, ma ognuno dice la sue e si trova la giusta soluzione. Il film è bello perché può rassicurare ogni singola persona che quanto avviene nella sua famiglia non è anormale, ma capita ovunque e a chiunque”.
“E’ un caos – sottolinea con il sorriso la Littizzetto – il film racconta come il dialogo sia complicato, ma lo fa con il sorriso e ci si lascia travolgere dalgi eventi. A volte è come quando il cellulare non prende, non c’è soluzione non si parla ma si prova ugualmente. Un aneddoto? Mi sono dovuta tuffare nel mare del porto di Fiumicino e solo con pedane e imbragature ci sono riuscita perché non so nuotare”.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©