Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

PRESENTATO IL PROGETTO “VOLTI DEL MEDITERRANEO” A CONCLUSIONE DELLA SUMMER SCHOOL DI PROCIDA


PRESENTATO IL PROGETTO “VOLTI DEL MEDITERRANEO” A CONCLUSIONE DELLA SUMMER SCHOOL DI PROCIDA
30/09/2008, 17:09

E’ stato presentato questa mattina a Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, nella giornata conclusiva della III edizione della “Summer School” di Procida tenuta dall’Osservatorio Euromediterraneo e del Mar Nero, il progetto intitolato “Volti del Mediterraneo”. L’iniziativa prevede la pubblicazione di oltre ottocento foto che ritraggono uomini e donne del Mediterraneo, opere dell’artista Pino Bertelli, ed ha come testimonial l’intellettuale croato naturalizzato italiano Pedrag Matvejevic. Ciascuno di questi volti va osservato a partire dallo sguardo, veicolo per la comprensione dell’elemento comune a tutti i soggetti rappresentati: l’appartenenza alla medesima natura umana. “Uso la bellezza - ha spiegato il fotografo Bertelli - per sconfiggere tutti i brutti pensieri di guerra”. Si tratta di un progetto che nel suo insieme punta ad esaltare il patrimonio valoriale della “koinè” mediterranea attraverso una riscoperta della vocazione al cosmopolitismo posseduta dalle culture formatesi nel bacino del Mediterraneo, e a risvegliare la coscienza critica nei giovani. Sarebbe infatti un peccato “se Napoli dovesse perdere quel respiro culturale derivante dalla sua storia e dalla collocazione nel Mediterraneo”, oltre alla sua indole ospitale: è questo il contenuto del commento espresso dal sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino, presente alla cerimonia, con riferimento agli ultimi gravi episodi di intolleranza nei confronti di cittadini extracomunitari verificatisi a Pianura. “Dobbiamo risvegliare la coscienza dei giovani perché episodi del genere non si ripetano” – è stato l’appello rivolto ai presenti dal primo cittadino.  La cerimonia si è conclusa con la consegna agli studenti dei diplomi di fine corso da parte dell’assessore alla Cultura del Comune di Napoli Nicola Oddati.
 

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©