Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro Bolivia ed Ecuador tra risorse e sfruttamento a cura di Gianni Tarquini


Presentazione del libro Bolivia ed Ecuador tra risorse e sfruttamento a cura di Gianni Tarquini
03/06/2011, 09:06

Lunedì 6 giugno, ore 17,30 Sala "Di Liegro", Palazzo Valentini Provincia di Roma - Via IV Novembre 119/A Fausto Bertinotti, Maria Laura Gargiulo, Cecilia Rinaldini, Patrizia Sentinelli presentano insieme all'autore La guerra dell'acqua e del petrolio. Bolivia ed Ecuador tra risorse e sfruttamento a cura di Gianni Tarquini Edilet, 2011. Il libro si occupa di acqua, petrolio e gestione delle risorse naturali in Bolivia ed Ecuador dove i movimenti sociali ed indigeni hanno prodotto un rivolgimento politico che sta facendo storia e si pone a difesa della Madre Terra. Occuparsi di risorse naturali significa però guardare oltre i due paesi andini e occuparsi del futuro prossimo del nostro pianeta, indagando sugli elementi chiave che sono già oggi alla base dei conflitti e dello scontro per conservare o guadagnarsi l'egemonia.

Il petrolio e il suo accaparramento, con sempre più sofisticate tecnologie a danno dell'ambiente, restano fondamentali nello scacchiere geopolitico. L'acqua è il bene su cui si giocano gli scenari dei prossimi decenni e verso cui le 'intelligence' dei Paesi egemonici hanno già operato mappature planetarie. Quasi inaspettatamente l'Ecuador e la Bolivia, con le nuove Costituzioni fondate sull'etica del 'buen vivir' e sull'alleanza delle tante diversità presenti nella loro cultura, si propongono di cambiare il paradigma dello sfruttamento delle loro tante ricchezze naturali.

Gianni Tarquini, insieme a studiosi delle tematiche sociali e antropologiche indigene di fama internazionale (Xavièr Albó, Mauro Cerbino), ricercatori e giornalisti sul campo (Nadia Angelucci, Margherita Ciervo, Paola Colleoni, Francesco Martone, Tancredi Tarantino), e protagonisti diretti dei fatti (Marlon Santi, José Proaño, Omar Fernández, Maya Rivera), ripercorre la complessa realtà dei due Paesi andini, in connessione con i due temi che ne hanno segnato la storia: l'acqua e il petrolio. "Una storia che parla a noi Europei in crisi. Per ricordarci le tante responsabilità che abbiamo avuto e abbiamo in quegli sfruttamenti" come scrive Fausto Bertinotti nella prefazione.

"In questi Paesi - ci ricorda Eduardo Galeano nel Prologo - la maggioranza indigena sta segnando il cammino verso una vera democrazia rispettosa del pluralismo culturale, per troppi secoli tradito, e della sacralità della natura, per troppi secoli profanata".

Il libro è stato realizzato con la collaborazione di Terre Madri e Traduttori per la Pace. Parte del ricavato verrà devoluto all'Associazione Terre Madri per sostenere le iniziative in atto in America Latina.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©