Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro di Marino Maiorino “Neapolis – il richiamo della sirena”


Presentazione del libro di Marino Maiorino “Neapolis – il richiamo della sirena”
02/05/2013, 14:25

San Giorgio a Cremano, 2 maggio 2013 – Domenica 5 maggio 2013, alle ore 18.30, presso la Biblioteca Comunale della Città di San Giorgio a Cremano, la Società Editrice La Torre presenta il romanzo storico 'Neapolis – Il richiamo della Sirena' di Marino Maiorino.

 

Con l'autore interverrà Giuseppe Germano, professore di letteratura latina medievale e umanistica e coordinatore del dottorato di ricerca in filologia classica, cristiana e medioevale umanistica, greca e latina dell’Università “Federico II” di Napoli. Modera Oriana Russo, responsabile per Lineadarco dei servizi bibliotecari. 

Poteranno i saluti dell'Amministrazione il vicesindaco e assessore alla Valorizzazione delle Ville Vesuviane, Giorgio Zinno e l'assessore alle Politiche Giovanili, Innovazione e Biblioteca, Michele Carbone. Arricchiranno l'evento: la musica celtica medievale del Laboratorio Musicale La Rochelle; le opere dell'artista Marco Fabbricatore; le letture di Luigi Montesanto.

L'evento, promosso dall'Assessorato alle Politiche Giovanili, Innovazione e Biblioteca, guidato da Michele Carbone, rientra nel programma di eventi della Biblioteca Comunale della Città di San Giorgio a Cremano curati dall'Associazione Lineadarco ed è stato organizzato in collaborazione con le Associazioni Altanur, Progetto San Giorgio ed Arenadiana.

I temi del libro sono prettamente storici. Prima che Roma diventasse la maggiore potenza della penisola italiana, Neapolis era una città ricca e rispettata, signora del golfo che oggi porta il suo nome. Greca per fondazione, nel 328 a.C. essa ospitava un’enclave sannita. Presa in un ingranaggio diplomatico tra potenze tanto più grandi di lei, Neapolis accettò che un considerevole contingente si insediasse nella città vecchia di Parthenope, da dove i sanniti non si limitarono a difendere le mura della città, ma osarono incursioni nel territorio dei vicini alleati di Roma. Roma reagì stringendo d’assedio la polis greca, un assedio durato più di un anno che, secondo le fonti storiche, ebbe un epilogo insperato, rocambolesco. Il romanzo è un viaggio tra pagine di storia dimenticata ai confini della leggenda, la riscoperta di personaggi temerari e dotati di qualità pari a quelle di Ulisse, con la sirena Parthenope, il benigno nume tutelare che dimora nelle viscere della polis. Un tentativo di ricostruzione di una serie di eventi a tratti paradossale che getta nuova luce e ridona lustro all’antichità di una città speciale.

 

Marino Maiorino (Caserta, 1970) ha conseguito la laurea in Astrofisica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e il dottorato presso la UAB di Barcellona, partecipando a diversi progetti di ricerca nei quali si è dedicato allo sviluppo di software per l’acquisizione di immagini e la caratterizzazione di rivelatori a stato solido. La permanenza all’estero, con la lontananza da Napoli, è stata lo stimolo per riscoprire un giovanile interesse per la filologia e la letteratura che è sbocciato nella creazione di un blog dedicato alla sirena Parthenope e in una serie di racconti brevi che sono stati pubblicati principalmente on line.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©