Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro di Michele Salvati "Tre pezzi facili sull’Italia


Presentazione del libro di Michele Salvati 'Tre pezzi facili sull’Italia
25/01/2012, 14:01

La Fondazione Mezzogiorno Europa organizza un dibattito in occasione della presentazione del libro di Michele Salvati, "Tre pezzi facili sull’Italia. Democrazia, crisi economica, Berlusconi", edito da “Il Mulino”.
L’iniziativa si svolgerà venerdì 27 gennaio alle 16.30, presso la Sala Conferenze dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, (Via Chiatamone 61/62 – Napoli).
Dopo i saluti del Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, Lida Viganoni, ne discutono con l’autore, Biagio de Giovanni, Docente dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, Maurizio Franzini, Docente di Politica Economica dell'Università di Roma “La Sapienza”, Umberto Ranieri, Presidente Fondazione Mezzogiorno Europa. Coordina Marco Demarco, Direttore de “Il Corriere del Mezzogiorno”.

“Qual è l'origine del ristagno economico del nostro Paese? Perché Berlusconi, dopo la vittoria del 1994, è riuscito a tornare al potere e a restarci per quasi tutto il primo decennio di questo secolo?
Netta è la posizione di Salvati in merito alle "colpe" della Prima Repubblica: il pesante arretrato di riforme strutturali e la gravosa eredità del debito pubblico sono all'origine di molte delle difficoltà economiche attuali. Uno sforzo serio per superarle fu fatto dai governi degli anni '90, ma nel decennio appena trascorso la gravità del lascito della Prima Repubblica venne colpevolmente sottovalutata.
Più complessa è la risposta all'interrogativo su Berlusconi che chiama in causa non solo il sistema politico ma l'intera società italiana. Fa da collante ai diversi temi un capitolo sulla qualità della democrazia in Italia che dà profondità storica ai problemi emersi in maniera acuta in tempi recenti”. (Dal testo).


Michele Salvati, professore emerito dell'Università statale di Milano, è autore di numerosi libri e saggi in vari campi di ricerca che spaziano dall'economia del lavoro alla political economy. È stato deputato nella XIII legislatura ed è editorialista del "Corriere della Sera".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©