Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro Diffamazione mediatica del magistrato di cassazione Maurizio Fumo


Presentazione del libro Diffamazione mediatica del magistrato di cassazione Maurizio Fumo
21/05/2012, 10:05

All' ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA CAMPANIA presentazione del libro LA DIFFAMAZIONE MEDIATICA di Maurizio Fumo  UTET 2012 saluti: Ottavio Lucarelli - Presidente Ordine Giornalisti della Campania PARTECIPANO Sergio Moccia - ordinario di diritto penale –Facoltà di Giurisprudenza Università Federico II –Napoli Domenico Ciruzzi - avvocato -Presidente Camera Penale, Napoli Dario Del Porto - giornalista La Repubblica Maurizio Fumo – consigliere di Cassazione  COORDINA Adriano Albano - giornalista RAI Napoli, 21 maggio ore 17, via S. M. a Cappella Vecchia (piazza de' Martiri) n. 8/b

Il libro
Il volume tratta le problematiche relative al delitto di diffamazione, consumato attraverso i media, con specifico riferimento alla giurisprudenza penale della Corte di cassazione. L'Autore riporta, commenta e interpreta le pronunce del Giudice di legittimità su tale tema.

L'indagine sui limiti, sull'esercizio, sulle conseguenze del diritto di cronaca-critica è centrale, riponendo altresì grande attenzione alle questioni che la nascita e la diffusione dei nuovi media ha comportato e continua a comportare (c.d. "diritto penale della rete").

Il volume, corredato da una banca dati che raccoglie la giurisprudenza citata, risulta essere uno strumento prezioso ed utile per la pratica quotidiana del professionista, ma anche per l'approfondimento scientifico su una materia oggetto di frequenti pronunce giurisprudenziali.

Piano dell'opera
• L'ONORE E LA REPUTAZIONE, I FATTI, LE OPINIONI, I MEDIA
• I CONFINI GIURISPRUDENZIALI DELLA DIFFAMAZIONE MEDIATICA
• CAUSE DI GIUSTIFICAZIONE: ANALISI, CASISTICA, PROBLEMATICA
• I LUOGHI E I MODI DELLA DIFFAMAZIONE ISTITUZIONALE

Nota Biografica

Maurizio Fumo, è entrato in magistratura nel 1977. Attualmente è in servizio presso la Corte di cassazione, anche come componente delle Sezioni unite. Ha sempre operato nel settore penale (pretore o Torino, giudice del collegio e giudice istruttore a Napoli, Pubblico ministero presso la direzione distrettuale antimafia di Napoli). Come componente della DDA, ha "istruito" e seguito in dibattimento alcuni tra i più importanti procedimenti a carico di apparteneti ai clan camorristici di Napoli e della Campania. Ha ricoperto, per circa tre anni, incarichi presso il Ministero della Giustizia, dirigendo due uffici nella Amministarzione penitenziaria. Ha collaborato e collabora con numerose riviste giuridiche, per le quali scrive articoli, commenti, note a sentenza. E' autore, oltre che del volume recentemente pubblicato ("La diffamazione mediatica", Utet 2012), del libro "Delazione collaborativa, pentimento e trattamento sanzionatorio", SIMONE 2001, nel quale ha affrontato lo spinoso problema dell'utilizzo processuale e della gestione dei cc.dd. "pentiti", facendo anche tesoro della sua specifica e personale esperienza in materia. E' stato presidente della commissione di esame di uno degli ultimi concorsi in magistratura.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©