Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro "Il canto stonato della Sirena" di Monica Florio -


Presentazione del libro 'Il canto stonato della Sirena' di Monica Florio -
12/06/2012, 12:06

Alla Feltrinelli I Librerie Via S. Tommaso d’Aquino, 70 Napoli Tel. 081.5521436  Mercoledì 13 giugno – ore 18 Presentazione del libro  Il canto stonato della Sirena di Monica Florio - Ilmondodisuklibri - Con l’autrice intervengono  Claudio Finelli e Sergio Lambiase Modera Antonio Filippetti Letture di Mariarosaria Riccio

È fresca di stampa la raccolta di racconti Il canto stonato della Sirena. Racconti di una città smarrita di Monica Florio (Ilmondodisuklibri, pp. 144, € 13,00), in cui l’emarginazione viene colta nelle sue molteplici cause: genetiche, sociali, sessuali. Protagonisti delle storie narrate sono, non a caso, eterni outsider di cui viene sottolineata non la diversità bensì la normalità, frutto di sogni e di aspirazioni comuni a tutti noi. Sono loro a prendersi una rivincita nei confronti di un’esistenza vissuta aggrappandosi a piccole illusioni nel tentativo di rovesciare la condizione di vittime di un destino in apparenza già segnato. Scenario di queste vicende di handicap, disadattamento e omosessualità è la Napoli dei nostri giorni che, nel suo irreversibile degrado, appare come una sirena dal canto stonato, svenduta da un ambiente culturale sempre più cinico e salottiero. Dal libro scaturisce l’immagine di una città contraddittoria, sfuggente come la sirena ritratta nell’immagine di copertina, nel cui volto senza tratti ognuno ha la possibilità di riconoscersi.

… Il libro si presta anche a una lettura ribaltata, a un’interpretazione che, come il fondale di un carillon, ruoti intorno a se stessa: dal nero al bianco, dalla notte al giorno, dalle lacrime al sorriso. C’è – non sempre, certo, ma qua e là – una speranza che germoglia tra le righe… Una speranza che è come traesse alimento anche dalle qualità stesse della prosa, una prosa che, pur non indulgendo a artifici e anzi aderendo, netta e stringata, alla concretezza delle persone e delle cose, sta sempre attenta a non esacerbare lo strazio, e potremmo dire usa le parole come carezze: carezze brave a alleviare la malinconia, a risarcire, in qualche misura, la delusione, a rimettere in sintonia con la vita. (Giovanna Mozzillo)

Monica Florio, napoletana, è Press Office/Communication & PR Manager. Giornalista pubblicista, collabora con quotidiani e periodici. Ha pubblicato il saggio “Il guappo – nella storia, nell’arte, nel costume” (Kairòs Edizioni, 2004). Suoi racconti sono apparsi in diverse antologie.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©