Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del Libro la Città Dolente all'Istituto Italiano Per gli Studi Filosofici


.

Presentazione del Libro la Città Dolente all'Istituto Italiano Per gli Studi Filosofici
06/09/2012, 09:35

Giovedì 6 settembre alle ore 18.00, nelle prestigiose sale dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli – Palazzo Serra di Cassano, sarà presentato il libro “La Città Dolente” (1909) che il medico svedese Axel Munthe (Oskarshamm 1857-Stoccolma 1949), venuto a conoscenza durante un suo soggiorno in Lapponia dell'epidemia di colera scoppiata a Napoli, scrisse nella città partenopea dove si era recato per offrire il suo aiuto.

Il libro contiene le corrispondenze che Munthe invia ad un giornale svedese durante la sua permanenza a Napoli negli ultimi mesi del 1884 e all'inizio del 1885. Munthe fa partecipi i lontani lettori della sua esperienza nei quartieri più poveri e più abbandonati della città, descrivendo quanto di inimmaginabile stia accadendo a tanti loro abitanti, ma insieme mettendo in evidenza "l'abnegazione, gli atti quasi eroici di sacrificio che facevano per aiutarsi fra loro".

 

Ne emerge un'immagine di Napoli viva, sofferta, contraddittoria, ma sempre dignitosa, come poteva costruirla uno scrittore che questa città amava e quindi capiva profondamente.

La presentazione del volume sarà introdotta dalla giornalista Armida Parisi con interventi di Antonella di Nocera (Assessore Cultura e Turismo Comune di Napoli), Gerardo Marotta (Presidente Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli), Katriona Munthe (nipote di Axel Munthe) e letture di Arnolfo Petri.

Alla presentazione del libro seguirà l’inaugurazione della mostra fotografica “La Città Dolente” di Salvino Campos (Brasile) e Peter de Ru (Svezia), a cura di Peter Cottino (Sovrintendente della  Fondazione Axel Munthe e Console di Svezia), Mario Franco (docente all’Accademia di Belle Arti di Napoli) e Maurizio Siniscalco (Presidente dell’Associazione Culturale ArteAs). La mostra è già stata esposta in anteprima nazionale negli spazi della Villa San Michele – Fondazione Axel Munthe ad Anacapri dal 1 al 30 luglio, riscuotendo un considerevole successo di pubblico e critica. 

L'esposizione, organizzata dalla Fondazione Axel Munthe Villa San Michele e dall’Associazione Culturale ArteAs di Maurizio Siniscalco e promossa dalla UERJ – Universidade do Estado do Rio de Janeiro, presenta opere fotografiche accomunate dal tema della “dignità”. La mostra verrà successivamente presentata a Rio de Janeiro (Brasile) alla Galleria “Cândido Portinari” della UERJ dal 17 ottobre al 21 novembre 2012.

La mostra prende ispirazione dal libro “Letters from a Mourning City”, in italiano "La Città Dolente", di Axel Munthe. Ma, le sue lettere-racconto sono anche qualcosa di più: nella Napoli di Munthe realtà e simbolo finiscono per coincidere e Napoli diventa spazio metaforico di una condizione umana dolente. «A questo spazio metaforico, a questo dolore diffuso - scrive Mario Franco - si ispirano le foto dei due artisti in mostra; artisti molto diversi per età, temperamento, tecniche, provenienza geografica, estro creativo, ma uniti in questo omaggio ad Axel Munthe ed alla sua umanità solidale.

 

Da un lato Salvino Campos, brasiliano e napoletano d'adozione, che porta nelle sue foto la luce del sud del mondo, la luce del Brasile, civiltà emergente ed energica, dolente nelle sue contraddizioni, ma giovane e vitale negli sguardi dei suoi bambini, nella loro voglia di affacciarsi al mondo.

Dall'altro lato lo svedese Peter de Ru, olandese di nascita e svedese d'adozione, che illumina le sue foto con la luce fredda del Nord. L'angoscia, più ancora del dolore, caratterizza le sue opere, dove anche il sorriso sembra generato da una lotta interiore. Nell’uomo, sembra dirci il fotografo, questo stato dolente è perenne. E questo vale anche per le sue costruzioni sociali: tanto più sono evolute, tanto maggiore è l’angoscia per il loro futuro: tutta l'Europa è una civiltà ferita e malata. Il dolore di Salvino Campos è più fisico e concreto. Descrive la povertà, l'infermità, le condizioni determinate dalla crescente frammentazione dell’economia mondiale e l’iniqua distribuzione delle risorse economiche a Cuba, in Argentina, in Brasile. Una forte tensione anima i due fotografi, alla ricerca di un terreno d’intersezione tra esperienze convergenti nel descrivere il dolore e la speranza. La differenza tra queste immagini, tra la fotografia del Sud e quella del Nord, dovuta all'opposizione tra l'ispirazione del fotografo e i due ambiti culturali distinti, rende interessante la mostra e il confronto: veicola due diversi tipi di sapere e due diversi modi di vedere».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©