Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro "Non tutto fa brodo" di Marino Niola


Presentazione del libro 'Non tutto fa brodo' di Marino Niola
22/10/2012, 09:55

Alla Feltrinelli I Libri e Musica Via S. Caterina a Chiaia, 23 Napoli Tel. 081.2405411 Martedì 23 ottobre ore 18 Presentazione del libro Non tutto fa brodo di Marino Niola - il Mulino - Con l’autore intervengono Gennaro Carillo e Antonio Fiore Letture di Ilenia Lazzarin Vini offerti da Villa Matilde. Il pianeta gastronomico tra piacere e dovere, estetica e dietetica, gusto e disgusto. Tra poveri che cercano di mangiare e ricchi che cercano di non mangiare

Senza grassi, senza zucchero, senza calorie, senza uova, senza latte. Oggi al nostro cibo chiediamo soprattutto di essere senza qualcosa. L'esatto contrario dei nostri genitori e della loro alimentazione da miracolo economico, che era tutta un'addizione di proteine, di vitamine, di burri, di panne. Siamo ossessionati da un'attenzione quasi maniacale a quel che mangiamo, facendo del controllo sugli alimenti il succedaneo del controllo sulla realtà. Se "tutto fa brodo" era la parola d'ordine dell'indigenza, ora riscopriamo la cucina delle finzioni, i finti ragù, le finte trippe, la finta carne. Un illusionistico teatro del gusto dove un ingrediente fa la parte di un altro. Sublimi espressioni delle nostre culture popolari, questi trompe-l'oeil alimentari nati per ingannare la fame hanno conquistato i piani alti della tavola e celebrano un doppio trionfo, etico e gastronomico.

Se tutti gli uomini mangiano, ogni cultura mangia a modo suo. E fa della cucina la sua carta d’identità. Passioni, ossessioni, emozioni, tradizioni, trasformazioni, repulsioni, contraddizioni, contaminazioni. Tutto si dice attraverso il cibo. Dalla scoperta del fuoco all’invenzione della piastra a induzione, gli uomini si distinguono in base alle loro grammatiche alimentari. Cosa mangiare, cosa non mangiare, quanto, quando, come, perché, con chi. Tipi di cottura, successione delle portate, galatei culinari, tabù religiosi, digiuni e astinenze. Il libro esplora le regioni note e meno note di un pianeta gastronomico che cambia alla velocità della luce. E che oggi appare sempre più diviso tra piacere e dovere, estetica e dietetica, gusto e disgusto.

Marino Niola è un antropologo della contemporaneità. Insegna Antropologia dei Simboli, Antropologia delle arti e della performance e Miti e riti della gastronomia contemporanea all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli. È editorialista de La Repubblica. Sul Venerdì di Repubblica cura la rubrica Miti d’oggi. Collabora con Le Nouvel Observateur, Il caffè di Locarno, Il Mattino di Napoli. Dal 2008 al 20 giugno 2010 è stato presidente del Teatro Stabile di Napoli.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©