Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro "Settima mezzanotte di primavera", opera prima della quindicenne Anna Scassillo


Presentazione del libro 'Settima mezzanotte di primavera', opera prima della quindicenne Anna Scassillo
02/01/2012, 09:01

Giovedì 4 gennaio, alle ore 18,30, presso il Caffè Letterario di via Gambardella a Torre Annunziata, si terrà la presentazione del libro "Settima mezzanotte di primavera", opera prima della quindicenne Anna Scassillo.

Anna è nata Torre Annunziata è sin da piccola ha coltivato la passione per la lettura e per la scrittura. E´ lei stessa a raccontarlo nella sua nota biografica: "Non avrei mai pensato di scrivere una mia biografia a soli quindici anni e per un mio libro! Non nascondo l’emozione. In ogni caso l’editore vuole che lo faccia, e vista la circostanza, lo faccio... Ma a modo mio. E con l’ umile auspicio di trovare, magari fra qualche secolo, su Wikipedia, la mia biografia scritta in terza persona (cosa più giusta) da un mio sporadico fan! Allora…concentrazione.

Sono un po’ svampita, lo ammetto, specie con le date! Sono nata, come assicura mia madre, il 22 Marzo del 1996. Mio padre (Ignazio, maestro di musica e cantautore, ndr) racconta che era una bellissima giornata, ma su questo non sono tanto convinta: papà è uguale a me!

Ho sempre avuto il desiderio, quindi la passione, di scrivere e soprattutto di leggere qualsiasi cosa che mi passasse tra le mani. Questa curiosità ha sicuramente contribuito in maniera positiva in questi quindici anni, tanto da farmi decidere di scrivere una storia.

Beh, non so se ci sono riuscita, sta a voi decidere questo. Io ci ho provato! E adesso? Cosa c’è nel mio cassetto ancora giovane e che profuma di nuovo, a parte il mio onnipresente disordine? Ho sempre creduto che nella vita bisogna essere se stessi, senza dare importanza al giudizio degli altri - conclude saggiamente Anna -, ognuno di noi può far avverare i suoi sogni. Quindi spero tanto di realizzare i miei, perché so che basta crederci."



Ed il sogno di Anna si è realizzato con l´edizione di questo primo lavoro, una pubblicazione fortemente voluta dalla prima persona che ha letto il manoscritto: la sua professoressa Carla Raiola, a cui è stata poi affidata la prefazione del racconto, che così descrive la sua alunna: "Sensibile, acuta osservatrice, desiderosa di varcare i limiti della realtà, dalla fervida fantasia e dai molteplici interessi, ha sempre dimostrato la sua passione per la musica, la lettura (di vari generi letterari) e la scrittura, che ha coltivato in silenzio, con discrezione, con umiltà. Leale, vuole amicizie vere, sincere e non condivide l’apatia o la superficialità di tanti suoi coetanei, detesta ogni forma di ipocrisia.

Queste le caratteristiche della scrittrice in erba, che ho conosciuto come insegnante di Lettere nei tre anni di scuola media. Ed alcuni aspetti della sua interiorità li ho ritrovati nella protagonista del romanzo, Haley, un’adolescente di diciassette anni che afferma: ”Non potevo immaginare una vita senza sogni, senza aspettative e desideri. Quella per me sarebbe stata una vita inutile, priva di ottimismo, priva di umorismo e romanticismo. Una vita fredda, dal cuore di ghiaccio, gelida, dove potevi limitarti a contemplare la vittoria della gente stupida e vile, senza combattere”.



“Settima mezzanotte di primavera” è un romanzo che vede come protagonista Haley Greene, una ragazza diciottenne con la passione per la musica e che crede fermamente nei sogni.

Haley proviene da una famiglia londinese di origini nobili, ha tutto ciò che le serve, ricchezza e agiatezza. Tuttavia il vestito di una specie di principessa le sta troppo stretto. Haley non riesce a sottostare alle imposizioni della sua famiglia che richiedono un comportamento remissivo e altolocato, completamente contrastante alla sua indole ribelle e sognatrice. Sentendosi quindi oppressa dalla condizione in cui vive, Haley prende la decisione di scappare di casa e si reca in America, alla ricerca della libertà che le è sempre stata negata. Per Haley è importante dimostrare chi è veramente, essere se stessa, distinguersi dalla massa. Arriva a Los Angeles, dove ha inizio il suo viaggio verso la felicità, attraverso situazioni difficili che supererà con l’aiuto delle sue passioni e delle persone che le saranno accanto, sempre pronte a sostenerla.

La vita di Haley, così, prenderà una svolta decisiva, per un finale totalmente inaspettato.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©