Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro “Sorelle d’Italia. Le donne che hanno fatto il Risorgimento” di Marina Cepeda


Presentazione del libro “Sorelle d’Italia. Le donne che hanno fatto il Risorgimento” di Marina Cepeda
21/11/2011, 13:11

Martedì 22 novembre alle ore 17.00 all’istituto Cervantes di Napoli, presentazione del libro “Sorelle d’Italia. Le donne che hanno fatto il Risorgimento”. di Marina Cepeda Fuentes (Premio Elsa Morante 2011 per la saggistica). Interverrano insieme all’autrice: -Laura Capobianco Storica, filosofa e Presidente dell'Archivio della Memoria delle donne del Sud. -Tjuna Notarbartolo Giornalista e scrittrice. -Piera Violante Ruggi d'Aragona Attrice. La celeberrima Anita Garibaldi non fu l’unica donna a lottare per l’Unità d’Italia: a centinaia parteciparono attivamente alle battaglie del Risorgimento, come soldatesse, vivandiere o infermiere. Molte altre svolsero importanti ruoli politici, creando una rete di attività, a volte segrete, anche attraverso i loro salotti letterari, come Giuditta Bellerio Sidoli, fondatrice del giornale mazziniano Giovane Italia.
Nobildonne come Eleonora de Fonseca Pimentel, l’eroina della rivoluzione napoletana del 1799; oppure Cristina Trivulzio principessa di Belgioioso, che offriva soccorso ai patrioti perseguitati. Scrittrici come la ex suora napoletana Enrichetta Caracciolo o Jessie White Mario, giornalista in prima linea. Patriote disposte a dare la propria vita e quella dei loro figli per gli ideali mazziniani, come Adelaide Cairoli. Eroine che perirono giovanissime lottando contro il potere temporale dello Stato Pontificio, come la popolana romana Giuditta Tavani Arquati. Nobili e popolane, madri, mogli, compagne, figlie, sorelle d’Italia disposte a combattere per i propri ideali, politici e non, a sacrificare gli affetti e la vita. Il posto che la memoria storica ha riservato a queste eroine è spesso minimo: qualche strada a loro intitolata, qualche targa sbiadita a ricordare i luoghi dove sono vissute. Attraverso documenti e testimonianze, ma anche tradizioni popolari, leggende, canti e poesie, Marina Cepeda Fuentes si è messa sulle tracce di quanto rimane delle donne del Risorgimento e del loro mondo, dai piccoli oggetti quotidiani alle grandi passioni, icostruendo la loro quotidianità, riportandole finalmente alla luce. Nel libro di Marina Cepeda Fuentes prendono vita dunque i ritratti di queste donne con le loro passioni, i loro ideali e i loro amori (BLU EDIZIONI,Torino).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©