Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione del libro "Sprofondo Sud" di Giandonato Giordano


Presentazione del libro 'Sprofondo Sud' di Giandonato Giordano
16/04/2012, 12:04

Alla Feltrinelli I express Stazione Centrale - Piazza Garibaldi, Napoli Tel. 081.2252801  Martedì 17 aprile – ore 18 Presentazione del libro Sprofondo Sud di Giandonato Giordano - Il Castello Edizioni - Con l’autore intervengono Gerardo Bianco Severino Nappi Isaias Sales Introduce Ottavio Ragone

È trascorso un secolo e mezzo dall'Unità d'Italia e il divario tra il Nord e il Sud del Paese ancora non è stato risolto. Il Sud continua ad essere un'area poco sviluppata, con un alto indice di disoccupazione e con una crescita economica ridotta. Tutto questo è colpa di una politica miope degli ultimi Governi, che influenzati dalla Lega hanno rivolto l'attenzione esclusivamente al Nord. Il Mezzogiorno è restato così vittima di vecchi e nuovi pregiudizi che la becera cultura leghista ha continuamente evocato. Al mito della secessione sbandierato dal Carroccio il Mezzogiorno ha risposto con il silenzio della rassegnazione, oppure contrapponendo una velleitaria ricomposizione del Regno delle due Sicilie, che i neoborbonici continuano ad evocare come terra felice prima del saccheggio da parte dei piemontesi. Un sudismo a tratti anacronistici che rischia di spaccare in due l'Italia e di isolare completamente il Mezzogiorno. È trascorso un secolo e mezzo dall'Unità d'Italia e il divario tra il Nord e il Sud del Paese ancora non è stato risolto. Il Sud continua ad essere un'area poco sviluppata, con un alto indice di disoccupazione e con una crescita economica ridotta. Tutto questo è colpa di una politica miope degli ultimi Governi, che influenzati dalla Lega hanno rivolto l'attenzione esclusivamente al Nord. Il Mezzogiorno è restato così vittima di vecchi e nuovi pregiudizi che la becera cultura leghista ha continuamente evocato. Al mito della secessione sbandierato dal Carroccio il Mezzogiorno ha risposto con il silenzio della rassegnazione, oppure contrapponendo una velleitaria ricomposizione del Regno delle due Sicilie, che i neoborbonici continuano ad evocare come terra felice prima del saccheggio da parte dei piemontesi. Un sudismo a tratti anacronistici che rischia di spaccare in due l'Italia e di isolare completamente il Mezzogiorno.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©