Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione di "La trappola e la nudità" di Elena Clementelli e Walter Mauro (


Presentazione di 'La trappola e la nudità' di Elena Clementelli e Walter Mauro (
15/02/2012, 10:02

Alla Feltrinelli I Librerie Via S. Tommaso d’Aquino, 70 Napoli Tel. 081.5521436  Giovedì 16 febbraio – ore 18 SCRITTURA E POTERE  Presentazione del libro La trappola e la nudità di Elena Clementelli e Walter Mauro (Giulio Perrone Editore)  Intervengono  Matteo D’Ambrosio e Giulio Perrone

Nel libro-intervista La trappola e la nudità (Giulio Perrone Editore), Elena Clementelli e Walter Mauro affrontano il rapporto fra scrittura e potere attraverso le parole di alcuni dei più grandi scrittori e intellettuali del Novecento, da Mario Vargas Llosa a Pablo Neruda, da Philip Roth a Eugenio Montale, da Heinrich Böll a Gabriel García Márquez. Perché solo la parola, baluardo insostituibile di difesa e di accusa, possiede in sé la forza e il vigore della protesta.

Riproporre a molti anni di distanza dalla loro prima comparsa al giudizio del pubblico dei lettori, incontri di parole e di convinzioni riguardanti tempi remoti e irripetibili che hanno caratterizzato il lavoro letterario all’interno di un vivere quotidiano scandito da realtà dure e difficili, vuol dire non soltanto stabilire la necessaria, inevitabile continuità del pensiero, della riflessione critica, della confessione se si vuole, a scrittori fra i più grandi di tutto il mondo, su tre poli tematici che hanno congiunto indissolubilmente vita e letteratura, ma al contempo offrire una testimonianza sicura e inequivocabile sul rapporto fra scrittura e potere, sia stato, o sia, esso, politico, domestico, religioso. Ne scaturiscono spezzoni biografici che mai vanno scissi dal lavoro creativo, e in questa connessione risiede l’attualità di chi confessa un gesto, un’azione, una riflessione, nati tutti da una condizione di impotenza più o meno coatta, del dichiarare la propria natura di uomini, di creature pensanti. I tempi sono cambiati, è vero, in peggio noi crediamo, ma il nostro pensiero non conta più di tanto: è invece l’eternità tenace del giudizio, del verdetto, della condizione umana nei suoi più alti significati, a stabilire il legame indissolubile fra passato e presente, poiché la prevaricazione dell’uomo sull’altro da sé configura un seme malefico e lacerante che non si rimargina, lascia il segno. Solo la parola, baluardo insostituibile di difesa e di accusa, possiede in sé la forza, il vigore della protesta. Sono le ragioni, queste, per cui le confessioni di tutti questi amici, alcuni dei quali purtroppo scomparsi, rappresentano il più profondo e tenace legame, fra un passato esaltante e un presente arido e sordo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©