Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Presentazione "L'Uomo nero ha gli occhi azzurri" al Comune di Sorrento


Presentazione 'L'Uomo nero ha gli occhi azzurri' al Comune di Sorrento
16/10/2012, 16:52

Si svolgerà sabato 20 ottobre 2012, alle 10, nella sala consiliare del Comune di Sorrento, in via Marina Grande 1, la presentazione del libro “L’Uomo nero ha gli occhi azzurri” di Giuliana Covella, edito da Guida.
Alla presentazione insieme all’autrice interverranno il sindaco Giuseppe Cuomo, l’assessore alle Pari Opportunità Maria Teresa De Angelis, il giornalista del quotidiano “Il Mattino” Antonino Siniscalchi, la psicologa Maddalena Cinque. Modera la scrittrice Angie Cafiero. Letture a cura dell’attore Ferdinando Maddaloni.
In collaborazione con “Gli eventi” di Carolina Ciampa e F&F Design Sorrento di Francesca Esposito e Francesco Mastellone.
 
Parte del ricavato del libro sarà devoluto al progetto “Una videoteca per Beslan”, a favore dei piccoli che vivono nel villaggio dell’Ossezia del Nord che nel settembre 2004 fu teatro di una strage dove morirono 186 bambini.
 
La storia:

Ponticelli, quartiere popolare a est di Napoli. Il 3 luglio 1983 vengono rinvenuti nell'alveo Pollena, un torrente in secca, i due corpi senza vita di Nunzia Munizzi e Barbara Sellini, di 10 e 7 anni. In seguito alla perizia del medico legale si scoprirà che le due amichette sono state violentate, pugnalate a morte e bruciate. L'Italia intera è scossa da quel duplice omicidio. In un primo momento gli inquirenti concentrano i sospetti su qualche maniaco del luogo. Ma ai primi di settembre accade qualcosa: i "mostri" vengono individuati in tre ventenni incensurati. Senza alcuna prova che ne dimostri la colpevolezza, ma solo in base alle accuse di un supertestimone, i tre ragazzi vengono condannati all'ergastolo.  Una pena che scontano per oltre vent'anni senza aver commesso il fatto. Chi si voleva proteggere? Chi si doveva proteggere? Forse un camorrista a cui piacevano i bambini e che quindi avrebbe rappresentato, per il Sistema, un'onta da scostarsi di dosso? In trent'anni non è stato ancora svelato il mistero. Un mistero fatto, forse di un pericoloso intreccio tra camorra, politica, magistratura e forze dell'ordine.
 
L’autrice:
 
Giuliana Covella, giornalista professionista, è laureata in Storia del Teatro moderno e contemporaneo presso la Federico II.
È consulente per la Legalità presso la III municipalità del Comune di Napoli e Consulente Antiracket per SoS Impresa di Confesercenti Campania. Scrive per il settimanale “Gente” e per i periodici del Corriere della Sera, “Comunicare il Sociale” e “Io Donna”. Attualmente scrive per le pagine di cronaca del quotidiano “Il Mattino”.
Per “L’Uomo nero ha gli occhi azzurri”, ha conseguito i seguenti premi: 
Premio nazionale “Carlo La Catena” 2012 “per l'impegno civico”, con l'alto patronato di Presidenza della Repubblica, Ministero dell’Interno, Regione Campania, Provincia e Comune di Napoli, Camera di Commercio di Napoli, Istituto Banco di Napoli.
Premio Ente nazionale Protezione animali per la Legalità 2012 “per una scrittura posta al servizio della legalità e alla tutela dei deboli”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©