Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

PRIMA ASTA DEL PROSCIUTTO DI PARMA


PRIMA ASTA DEL PROSCIUTTO DI PARMA
15/09/2008, 13:09

L'Asta/Evento del Prosciutto di Parma Dop rappresenta uno degli eventi più attesi nel nutrito programma del Festival del Prosciutto di Parma che animerà il prossimo week-end della città emiliana. L'Asta, che sarà battuta domenica 21 alla ore 17,00 nella centralissima piazza Garibaldi, è alla prima edizione e vede già la partecipazione confermata di personaggi, estimatori ed acquirenti provenienti da tutta Italia e dall'estero.

I lotti sono costituiti da una selezione accuratissima di esemplari di altissima qualità, scelti dagli esperti del Consorzio del Prosciutto di Parma in modo da poter rappresentare il meglio del dolce Re dei Prosciutti.
La produzione del Prosciutto di Parma è antichissima e la lavorazione è ancora artigianale. Si tratta di un prodotto assolutamente naturale (gli ingredienti sono solo due: la carne di suino e il sale) il cui segreto risiede unicamente nell’abilità dei maestri salatori, nell’aria profumata delle colline parmensi e nella lunga e paziente stagionatura.
Il banditore Luciano Carnaroli - che vanta una ventennale esperienza nella casa londinese Christie’s ed è ora responsabile vendite all’asta di Banca di Roma Unicredit - batterà Prosciutti d’eccezione per diverse categorie: il prosciutto più "pesante”, quello “stagionato più a lungo”, quello “stagionato più in alto”. Sono previsti anche tre lotti: il primo comprende due Prosciutti di Parma, uno stagionato 20 e l’altro 28 mesi; il secondo tre prosciutti stagionati rispettivamente 20, 24 e 28 mesi; il terzo due prosciutti stagionati 28 e 36 mesi.

Il ricavato verrà devoluto all’associazione benefica “Volontari Ospedale dei Bambini” (VOB) di Parma, che riunisce tutti i volontari operanti nei reparti pediatrici della zona. L’asta sarà battuta in piazza Garibaldi che per l’occasione si trasformerà in una gigantesca prosciutteria con stand degustazione e animazione. E’ previsto anche un mercatino del tipico tra le vie del centro in collaborazione con la Strada del vino e dei sapori dell’Emilia-Romagna

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©