Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Libri, Fede e Volontariato all'esordio

Prima Giornata Festival del Libro e della Scrittura


Prima Giornata Festival del Libro e della Scrittura
08/12/2009, 18:12

Fede, missioni e volontariato. La prima giornata della terza edizione del Festival del Libro e della Scrittura verrà scandita da questi tre elementi: come si possono racchiudere in un libro esperienze di solidarietà e grandi atti di fede. Così, giovedì 10 dicembre, alle 18:00, nella saletta dibattiti del grande gazebo del Festival, l'evento punterà i riflettori sul primo degli appuntamenti in programma: la presentazione del video e del libro "Una Missione d'amore in Togo". Il Comune di San Giuseppe Vesuviano ha realizzato con l'associazione Mama Africa Onlus in un documentario sulla missione umanitaria del comune vesuviano che ha costruito un ospedale nel villaggio di Togoville.
Alle 19.00 seguirà il dibattito “Padre Pio, i libri e le testimonianze” moderato dal giornalista Donato Faiella. Intellettuali ed esponenti del mondo della chiesa discuteranno sulla figura di Padre Pio: interverranno lo scrittore e saggista Carmine Montella, l’Assessore alla Cultura del Comune di Pietrelcina Ennio Graziano, il Sindaco di Pietrelcina Gennaro Fusco, il Vescovo della Diocesi di Nola Monsignor Beniamino Depalma e Padre Antonio Gambale. Quest’ultimo, (anche padre spirituale di Luciano Moggi) ha raccolto gli ultimi pensieri di Padre Pio e potrà raccontare alcuni particolari inediti del frate di Pietrelcina.
La prima giornata del Festival si concluderà alle ore 21.00 con lo spettacolo dello showman napoletano Massimo Cannizzaro, autore del libro “Napoletani si nasce… o quasi”. Il giovane e talentuoso comico napoletano porterà al Festival il suo nuovissimo spettacolo (omonimo del libro), con cui è attualmente in scena al Teatro Cabaret Port’Alba di Napoli e che esporterà quest’inverno nei teatri di tutta Italia. Un “one man show”, suddiviso in due atti con un finale a sorpresa, che colloca Cannizzaro tra gli artisti più applauditi sul nostro territorio. Una comicità mai volgare, colorata e colorita, che attinge a piene mani dalla vita reale di una delle città più gioiose e autoironiche del pianeta.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©