Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Prima ti sposo e poi ti rovino, meglio la Guardia di Finanza di mia moglie”


Prima ti sposo e poi ti rovino, meglio la Guardia di Finanza di mia moglie”
19/01/2011, 17:01

Napoli - “Prima ti sposo e poi ti rovino, non tutti si avvicinano con questo spirito, ma oggi possono ancora esserci vittime di chi la pensa in questa maniera” Con questa dichiarazione Gianfranco Dosi, presidente dell’Osservatorio Nazionale Diritto di Famiglia, ha aperto il suo intervento alla terza giornata dei Forum della Famiglia alla Mostra d’Oltremare di Napoli, proseguendo:“La famiglia non è malata, ma il sistema deve dotarsi degli strumenti giusti per poterla tutelare, bisogna considerar la famiglia come entità unica e non più come la soma di due individui. Bisogna tutelarla dal punto di vista amministrativo, fiscale e legale, la famiglia deve essere un soggetto e su questo punto di vista la strada è ancora lunga, il diritto di famiglia deve ancora essere integrato”

La professoressa di diritto privato della Facoltà Parthenope di Napoli, Maria Cimmino ha ulteriormente rilanciato il concetto di Dosi: “Bisogna riformare i diritto di Famiglia e una strada giusta passa per i patti prematrimoniali”.

L’avvocato Gennaro Di Maggio coordinatore commissione tributaristi del consiglio del’ordine degli avvocati ha sottolineato che: “esistono ancora miei clienti che mi dicono: meglio la Guardia di Finanza di mia moglie! E’ un assioma supportato dalle attuali regole sul diritto di matrimonio che vanno riviste e codificate in tema di regime patrimoniali, sono paradossi che a volte non sono così lontani dalla realtà”

Durante i forum, dal moderatore Roberto D’Antonio, ricordato anche il pensiero del premio Nobel, James Hackman: “Ho calcolato che se lo Stato investe nella famiglia da questo investimento ottiene ricavi dal 7 al 10% l’anno. Basta vedere la famiglia, in un mondo in rapidissima evoluzione, come un’azienda su cui investire, ovviamente è necessario un nuovo patto sociale. La storia chiede una svolta e l’Italia, dove le famiglie sono centrali e vitali, può giocare un ruolo in questa svolta, la politica non se ne accorgerà, non questa politica con questi politici”.

DOMANI GIOVEDI’ 20 GENNAIO 2011
Delicato ed importante l’argomento che sarà affrontato domani giovedì 20 gennaio dalle 12.30 che riguarda i figli. Si parlerà, infatti del “ Genitori ed educatori a confronto sull’evoluzione della vita dei minori sotto il profilo della responsabilità” con la partecipazione, al dibattito finale del professor Paolo Cendon.

All’incontro, moderato dalla coordinatrice dei Forum, avv. Immacolata Troianiello e introdotto dal consigliere dell’Ordine degli Avvocati, avv. Roberto Fiore, interverranno varie figure professionali per affrontare il tema in maniera globale: l’avv Luisa Errico, coordinatrice commissione minori C.O.A. Napoli, la prof.ssa Daniela Paparella, preside Scuola media Poerio la dott.ssa Giovanna Amirante dell’Ordine degli assistenti sociali e il dott. Francesco Villa, psichiatra Infantile.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©