Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Primavera Einaudi, protagoniste le donne e la Resistenza


Primavera Einaudi, protagoniste le donne e la Resistenza
24/04/2012, 14:04

Nuovi importanti appuntamenti con la rassegna letteraria “Primavera Einaudi”. Venerdì 27 aprile, presso il Palazzo di Città di Salerno, Michela Ponzani presenterà il suo ultimo lavoro editoriale, “Guerra alle donne”. Sabato 28, invece, il Punto Einaudi di piazzetta Barracano ospiterà l’incontro in ricordo di Rosario Bentivegna, uno dei maggiori protagonisti della Resistenza italiana

Una “due giorni” interamente dedicata alla Memoria. Torna “Primavera Einaudi” e lo fa con due prestigiosi appuntamenti. Venerdì 27 aprile, alle ore 18.00, presso il Salone dei Marmi di Palazzo di Città, Michela Ponzani presenterà “Guerra alle donne”. Sabato 28, invece, alle ore 19.00, il Punto Einaudi di Corso Vittorio Emanuele ospiterà l’evento in ricordo di Rosario Bentivegna, uno dei più importanti protagonisti della Resistenza italiana ed autore di “Senza fare di necessità virtù”.

Dopo gli incontri con Pino Aprile ed Antonello Caporale degli scorsi 14 e 15 aprile, nel prossimo fine settimana, dunque, la rassegna promossa dal Comune di Salerno - Assessorato alla Cultura, dal Punto Einaudi di Salerno e dall’Associazione “Koinè” nel centenario della nascita di Giulio Einaudi proporrà «libri di memorie capaci di far luce sul presente». Ad accompagnare Michela Ponzani venerdì 27 saranno: Eduardo Scotti, giornalista de La Repubblica; Aldo Pavia, già Presidente dell’ANED ed esponente dell’ANPI Salerno; Titti Santulli del Comitato Provinciale ANPI Salerno; Maria Teresa Fulco, Presidente dell’Associazione “Memorie”.

«Questo nodo interiore irrisolvibile sta tutto nelle memorie, nelle singole storie delle donne. È da qui che bisogna partire per comprendere come sia possibile che, nonostante la gioia della liberazione e pur ritrovandosi “vinti ma salvi”, si resti ognuno con le proprie ferite; quelle visibili e quelle invisibili, le cui cicatrici rimangono indelebili». Con “Guerra alle donne. Partigiane vittime di stupro, amanti del nemico 1940-45”, Michela Ponzani ricostruisce le molteplici, eterogenee e compenetranti storie di guerra di quelle donne anonime, non colte, lontane dalla partecipazione attiva nella politica, che hanno subito passivamente le sofferenti ricadute della guerra totale, fatta di rastrellamenti, bombardamenti, stragi e stupri di massa.

Coautrice di “Senza fare di necessità virtù. Memorie di un antifascista”, sabato 28 la Ponzani prenderà parte inoltre all’appuntamento in ricordo di Rosario Bentivegna, una delle più importanti figure dell’antifascismo, recentemente scomparso. Presidente onorario A.N.P.I. Roma, Stella d’Oro Garibaldina, nonché Medaglia d’argento al valor militare, Rosario Bentivegna è stato, infatti, uno dei maggiori protagonisti della Resistenza italiana.

E “Senza fare di necessità virtù”, autentica sua biografia, narra proprio dell’attività clandestina antifascista negli anni ’30, della decisione di aderire al PCI dopo l’8 settembre 1943, della rappresaglia nazista, dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, dei fatti di via Rasella a Roma, del ruolo di comandante partigiano sui Monti Predestini, della militanza nel PCI, dei viaggi nell’Unione Sovietica, della decisione di abbandonare il partito e della sua professione medica. Il tutto attraverso documenti inediti tratti dal suo archivio personale, oggi conservati presso l’Archivio del Senato della Repubblica.

Oltre alla Ponzani, prenderanno parte all’iniziativa (in programma alle ore 19.00 presso il Punto Einaudi di Salerno): lo storico Davide Conti; Patrizia Toraldo di Francia, compagna di Rosario Bentivegna; Luigi Giannattasio, Presidente della sezione ANPI di Salerno; Maria Teresa Fulco e Piero Lucia, rispettivamente Presidente e Vicepresidente dell’Associazione “Memorie”, organizzazione no-profit operante da oltre 16 anni nel territorio salernitano e provinciale per la sensibilizzazione delle nuove generazioni alla conoscenza dei drammi vissuti dai deportati nei campi di concentramento durante la seconda guerra mondiale.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©