Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La "Marchesi de' Frescobaldi" a Napoli con Federico Improta

Profumi, aromi e raffinatezza tra cravatte, arte moderna a cinque stelle ed il Vitigno Italia

Le nuove iniziative della storica società agricola toscana

Profumi, aromi e raffinatezza tra cravatte, arte moderna a cinque stelle ed il Vitigno Italia
22/05/2011, 11:05

Tris vincente per la blasonata casa vinicola “Marchesi de’ Frescobaldi” sempre più presente in città con le sue iniziative divise tra gusto, armonie di profumi e raffinatezza. Ed è così che grazie all’impegno  dall’area manager della storica società agricola toscana Federico Improta (nella foto) , la “Frescobaldi”, in questi giorni, continua a fare parlare dei suoi pregiati vini grazie a tre eventi davvero significativi. Dopo essere stati protagonisti di un’intera giornata di degustazione sulla terrazza dell’”Atelier Marinella” alla Riviera di Chiaia, dove grazie all’ospitalità del noto padrone di casa Maurizio Marinella , una grande fetta di quel cosiddetto jet set napoletano ha potuto apprezzare il “Pomino Bianco 2010 ed il “Castelgiocondo Brunello 2006, i vini della Frescobaldi, nel coinvolgere ed ammaliare anche una folta rappresentativa  internazionale composta da turisti provenienti da tutto il mondo, hanno pure conquistato i palati dei partecipanti alla serata svoltasi nel futuristico “Hotel Romeo” in via Marina. Prodigiosamente in sintonia con gli ambienti della struttura ricettiva a 5 stelle, tutta protesa verso l’esaltazione dell’arte moderna e dei più lungimiranti design, i vini della Frescobaldi “Tenuta Frescobaldi di Castiglioni” e  “Castelgiocondo Brunello” delle annate 2003, 2004, 2005, hanno letteralmente incantato i presenti per le straordinarie caratteristiche e le note organolettiche. Con la partecipazione di numerosi esperti del settore ed alla presenza, tra gli altri, di  Ugo Cilento dell’omonimo storicizzato negozio di via Medina, della giornalista Donatella Bernabò, responsabile della comunicazione di “Vitigno Italia” e di Tommaso Luongo, responsabile provinciale “Associazione Italiana Sommelier” prestato per la serata all’Antico Sigaro Toscano, i vini selezionati e presentati dal manager Improta sono, per così dire, saliti in cattedra con tutto il loro spessore e la loro preziosità. Parlando ad esempio della produzione denominata “Tenuta Frescobaldi di Castiglioni” Igt del 2009, la stessa si è imposta per il suo gusto moderno capace tuttavia di non perdere il collegamento con il territorio rappresentato, mentre, a proposito del Brunello di Montalcino DOCG”, lo stesso, dopo essere scaturito da una rigorosa selezione di sole uve Sangiovese nel rispetto di tutte quelle regole tese alla salvaguardia delle antiche caratteristiche ha ben ribadito la sua eccezionale struttura distinguendosi per eleganza, equilibrio, profumi intensi e grande finezza. Infine, presente all’edizione 2011 di “Vitigno Italia” sala G stand E 4 ed E 4/b in programma fino a martedì al Castel dell’Ovo dalle ore 14 alle ore 21, la “Marchesi de Frescobaldi” sembra così completare la sua terna vincente tutta napoletana all’insegna delle etichette più importanti dell’azienda e nel nome di quei piccoli piaceri per l’olfatto ed il palato, capaci, ancora oggi, di rendere più piacevole la vita.

 

Commenta Stampa
di Giu.Gio.
Riproduzione riservata ©