Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

PulciNellaMente ricorda Pasquale Perotta


PulciNellaMente ricorda Pasquale Perotta
14/10/2013, 09:38

SANT’ARPINO - I promotori della Rassegna Nazionale di Teatro Scuola PulciNellaMente commossi ricordano l’amico Pasquale Perotta, grande cultore della musica classica napoletana, deceduto l’altro giorno all’età di 67 anni.
Perotta, santarpinese d’adozione, aveva negli anni passati messo a diposizione della rassegna la sua grande passione ed esperienza artistica ritenendo PulciNellaMente un progetto particolarmente incisivo sulla qualità della crescita della nuove generazioni e sulla possibilità reale di innescare dei virtuosi processi di sviluppo del territorio.
“Ho accolto con autentica commozione la notizia della scomparsa di Pasquale – dichiara il direttore della rassegna Elpidio Iorio – una persona di straordinaria sensibilità umana e artistica. Con lui - io, Antonio Iavazzo, Carmela Barbato e tutto lo staff di PulciNellaMente-  abbiamo condiviso dei momenti bellissimi e di particolare spessore culturale e artistico. Insieme a lui – e con la validissima collaborazione di Mario Guida -  predisponemmo un programma per celebrare l’arte, la poesia, la canzone di artisti che hanno esportato in tutto il mondo la tradizione culturale e canora partenopea. Un appuntamento unico di scambio e confronto fra generazioni all’insegna dei valori della cultura musicale napoletana. Inaugurammo questi appuntamenti con una serata – evento dedicata al grandeMario ABBATE. Oltre al figlio Massimo, alla serata furono tanti e di prestigio gli artisti che risposero alla chiamata di Pasquale tra cui ricordo: Antonio Buonomo, Mauro Caputo, Lucia Cassini, Mario Da Vinci, Antonello Rondi, Ciro Capano, Patrizio De Martino, Raffaella De Simone, Enzo Esposito, Francesca Marini, Salvatore Meola, Lello Olmo, Alba Pierno, Teresa Rocco, Lina Santoro, Carmen Viviani. Gli stessi artisti che in queste ore hanno mostrato sincera tristezza per la morte di Pasquale”.
“Ci mancherà tantissimo -  conclude Iorio – in particolare ci mancheranno  il suo contagioso entusiasmo, l’incredibile determinazione, le battute che scioglievano in un attimo tensioni e  stanchezza, l’ottimismo e la solarità tipicamente napoletani. Pasquale è volato in cielo dove avrà riabbracciato la moglie la cui scomparsa lo aveva irrimediabilmente segnato. Ai figli, ai nipoti e ai familiari tutti la nostra vicinanza e l’impegno a ricordarlo come merita  in uno dei nostri prossimi appuntamenti”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©