Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Intervista con Enzo Grano

Quando in teatro la politica e la cultura fermano l' innovazione


Quando in teatro la politica e la cultura fermano l' innovazione
20/05/2009, 15:05

Lo storico e saggista Enzo Grano torna a soffermarsi su quanto contenuto nel suo libro “Storia del Teatro Alternativo - Napoli tra vecchi e nuovi scenari”.Un testo provocatorio, quello del noto esponente del mondo artistico, teatrale e culturale napoletano che, tracciando le linee di 40 anni di teatro alternativo a Napoli, è riuscito ad affondare non pochi fendenti nella società politica e culturale che ha fatto da cornice allo sviluppo delle cosiddette sale d’innovazione e dei loro paladini. Partendo dal teatro Esse, dagli altri spazi sorti a Napoli negli anni Sessanta, fino a giungere agli anni Novanta ed al Terzo Millennio, Grano ha osservato con occhio severo ed imparziale le vicissitudini di un mondo fatto di lotte, di autori emergenti, di compromessi, di rappresentazioni e di sogni. Ed è così che, salpando dalle passionali sponde di quel manipolo di volenterosi che scelsero la “Esse”, inneggiante alla leonardesca “Sperienza”, come appellativo del loro mitico teatro di via Martucci, fino ad approdare sulle rive dei personaggi di oggi, artefici di spazi come il Nuovo Teatro Nuovo e la Galleria Toledo, l’autore nel suo libro, ha rievocato prima, ed esorcizzato poi, le sembianze di una affascinante creatura dai multiformi aspetti e dalla oscura coscienza.

Potrebbe - chiediamo a Grano- tra altri quaranta anni, alla luce di quanto sta accadendo nel teatro d’innovazione, scrivere lo stesso libro?

“Potrei scrivere quello che non c’è, oppure un racconto diverso capace di spiegare come si arriva al Teatro senza un bagaglio innovativo ma soltanto ripetitivo. Purtroppo, i tempi che corrono non sono certamente esaltanti come quelli degli anni Sessanta, quando a Napoli nasceva l’albero della speranza sociale ed artistica. I tempi, infatti, cambiano tutto e tutti, ciò non di meno -come scriveva Croce- “non esistono eventi negativi” ma eventi che sortiscono altri eventi. C’è da aggiungere, tuttavia, che anche allora l’avanguardia non era soltanto un modo di concepire un nuovo teatro ma anche una scorciatoia per arrivarci.”

Cosa avrebbero fatto i protagonisti di ieri dinanzi alla realtà di oggi?

“Si sarebbero tappati il naso, non perché sia morto il Teatro, ma perché è morta l’idea rivoluzionaria di concepire un teatro di opposizione, anche perché, all’origine dell’avanguardia, non c’erano contributi e tutto poteva essere più onesto e più convinto e soprattutto meno rivolto al politico di turno.”

Possono le vicende politiche rendere grandi gli autori?

“Si, nel bene e nel male. Comunque le avanguardie sono tali quando si confrontano con la realtà sociale che attraversano senza mediazioni di consulenti o che so io.”

Esiste un Teatro Esse anche oggi?

“Si, esiste. Ognuno nel proprio specifico. Potrei pensare al Nuovo Teatro Nuovo, alla Galleria Toledo, dove non soltanto si sperimenta ma si accolgono molti emergenti ed all’Area Nord di Piscinola dove è possibile ritrovare un Carpentieri da sempre innovativo.”

Quanto influisce sullo sviluppo del teatro alternativo l’egemonia delle grandi sale?

“Le grandi sale sono carnivore e divorano tutto. Anche perché da sempre lo spettatore napoletano è per lo più intinto di ‘borghesume’ed evita di pensare. Vuole soltanto ridere esaltando la farsa o la commedia comica dialettale come la panacea per uscire dalle ambasce.”

Quindi, lo sviluppo del Teatro d’innovazione è direttamente proporzionale allo sviluppo culturale di una città?

“Può capitare. E’ probabile. Certamente si! E lo dimostrano gli accomodamenti scenici dei nostri anni, dove l’attore è sempre meno attore di teatro e più personaggio televisivo. Occorre convincersi che senza Teatro d’avanguardia, non c’è futuro neanche per il Teatro di Tradizione.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe - chiediamo a Grano- tra altri quaranta anni, alla luce di quanto sta accadendo nel teatro d’innovazione, scrivere lo stesso libro?

“Potrei scrivere quello che non c’è, oppure un racconto diverso capace di spiegare come si arriva al Teatro senza un bagaglio innovativo ma soltanto ripetitivo. Purtroppo, i tempi che corrono non sono certamente esaltanti come quelli degli anni Sessanta, quando a Napoli nasceva l’albero della speranza sociale ed artistica. I tempi, infatti, cambiano tutto e tutti, ciò non di meno -come scriveva Croce- “non esistono eventi negativi” ma eventi che sortiscono altri eventi. C’è da aggiungere, tuttavia, che anche allora l’avanguardia non era soltanto un modo di concepire un nuovo teatro ma anche una scorciatoia per arrivarci.”

Cosa avrebbero fatto i protagonisti di ieri dinanzi alla realtà di oggi?

“Si sarebbero tappati il naso, non perché sia morto il Teatro, ma perché è morta l’idea rivoluzionaria di concepire un teatro di opposizione, anche perché, all’origine dell’avanguardia, non c’erano contributi e tutto poteva essere più onesto e più convinto e soprattutto meno rivolto al politico di turno.”

Possono le vicende politiche rendere grandi gli autori?

“Si, nel bene e nel male. Comunque le avanguardie sono tali quando si confrontano con la realtà sociale che attraversano senza mediazioni di consulenti o che so io.”

Esiste un Teatro Esse anche oggi?

“Si, esiste. Ognuno nel proprio specifico. Potrei pensare al Nuovo Teatro Nuovo, alla Galleria Toledo, dove non soltanto si sperimenta ma si accolgono molti emergenti ed all’Area Nord di Piscinola dove è possibile ritrovare un Carpentieri da sempre innovativo.”

Quanto influisce sullo sviluppo del teatro alternativo l’egemonia delle grandi sale?

“Le grandi sale sono carnivore e divorano tutto. Anche perché da sempre lo spettatore napoletano è per lo più intinto di ‘borghesume’ed evita di pensare. Vuole soltanto ridere esaltando la farsa o la commedia comica dialettale come la panacea per uscire dalle ambasce.”

Quindi, lo sviluppo del Teatro d’innovazione è direttamente proporzionale allo sviluppo culturale di una città?

“Può capitare. E’ probabile. Certamente si! E lo dimostrano gli accomodamenti scenici dei nostri anni, dove l’attore è sempre meno attore di teatro e più personaggio televisivo. Occorre convincersi che senza Teatro d’avanguardia, non c’è futuro neanche per il Teatro di Tradizione.”

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©