Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Rassegna Foto: "Asilo 45 - fino a qui tutto bene" (Boscoreale)


Rassegna Foto: 'Asilo 45 - fino a qui tutto bene' (Boscoreale)
19/06/2012, 15:06

Nell'incipit straordinario del film "la haine", ambientato nelle periferie parigine, un uomo che precipita da cinquanta piani, per farsi coraggio a ogni piano che passa si dice "fino a qui tutto bene"... ma una voce fuori campo chiosa: "Il problema non è la caduta, il problema è l'atterraggio"...


Nell'esperienza di autogestione cominciata il 2 giugno nell'ex asilo di piazza Vargas a Boscoreale noi non sappiamo però se siamo in caduta. Perchè la sensazione è piuttosto di volare via dalle tre ordinanze di sgombero che il Sindaco Langella ha immediatamente firmato!
Questo perchè non ci siamo limitati ad aspettare i blindati della celere all'alba come in un deserto dei tartari vesuviano. Preferiamo piuttosto vivere questa possibilità e svilupparne le enormi potenzialità.


Serate musicali, cinema, teatro, incontri, presentazioni, coinvolgimento di bambini e adulti nel detournement della tristezza che prima incombeva su piazza Vargas e sull'ex Asilo, abbandonato al totale degrado da almeno otto anni (vedi in allegato la galleria fotografica degli ultimi giorni).
Incontri pubblici sul diritto alla salute, sulla devastazione del territorio vesuviano e sulla mancanza di reddito, spazi ricreativi del tutto no-profit per anziani e bambini... Tantissime persone alle iniziative e alle assemblee. Se davvero esiste il concetto di Bene Comune, allora l'Asilo 45 è un bene comune, costruito in maniera totalmente autogestita e dal basso, proprio quando molti da questi territori cercano di scappare via.
Il Sindaco Langella, invece, si è comportato più da padrone del paese che da amministratore, come chi, memore del protagonismo popolare del movimento contro le discariche sul Vesuvio, preferisce il nulla, il deserto sociale al rischio che la popolazione si auto-costruisca spazi per informarsi, autorganizzarsi e magari continuare a difendere i propri diritti contro gli interessi speculativi.


Incurante anche dei 1500 cittadini che hanno già firmato per sostenere l'Asilo 45, il Sindaco ha agito finora con totale cinismo, sperando magari di poter prima o poi privatizzare la struttura per realizzarci una speculazione, per alimentare magari qualche clientela.
Ma il cinico, come ricordano i proverbi arabi, "conosce il prezzo di tutte le cose e il valore di nessuna"...
L'amministrazione non conosce il valore dell'esperienza che ha assunto il nome di Asilo 45. Per questo, sia che avvenga lo sgombero oppure no, non riuscirà a fermarla!
Questa esperienza in ogni caso continuerà

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©