Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Recital di canzoni napoletane e musiche di Chopin all’Istituto Colosimo


Recital di canzoni napoletane e musiche di Chopin all’Istituto Colosimo
14/05/2010, 14:05


NAPOLI - Weekend musicale all’Istituto Paolo Colosimo di Napoli nell’ambito del Maggio al Colosimo, la rassegna di eventi organizzata da gruppo di imprese sociali Gesco e dal Centro di medicina psicosomatica (enti gestori dell’Istituto) in collaborazione con il Rotaract Club Distretto 2100. Sabato 15 maggio 2010 alle ore 19.00 si terrà lo spettacolo Napoli al pianoforte recital di canzoni napoletane per pianoforte e voce di Giuseppina Mansi. Pianista e cantante, cieca dalla nascita, laureatasi al conservatorio di Salerno nel 2007, la Mansi canterà e suonerà al pianoforte canzoni classiche napoletane da lei stessa arrangiate. Prenderà parte alla serata anche l’artista Vincenzo Desiderio, che reciterà poesie napoletane. Domenica 16 maggio 2010 alle ore 12.00 si esibirà al pianoforte il celebre musicista spagnolo Jose Luis Nieto, che suonerà brani del repertorio di Fryderyk Chopin. Nieto, con oltre 60 concerti all’anno, è uno dei più importanti pianisti spagnoli della nuova generazione. Si è esibito in diversi Paesi europei, negli Stati Uniti, in Egitto, in America Latina e in Siberia. Dirige dal 2006 l’orchestra da camera Sinfonietta Mosca da lui fondata, che riunisce a Mosca i giovani talenti russi formatisi nel prestigioso conservatorio Tchaikovsky, dove lo stesso Nieto si è laureato e ha conseguito il dottorato seguito dal grande pianista Victor Merzhanov. Josè Luis Nieto ha pubblicato otto cd, che hanno ottenuto molti riconoscimenti da parte della critica specializzata. I concerti di questo week end si inseriscono nel ricco programma di eventi del Maggio al Colosimo, che offre gratuitamente al pubblico spettacoli, concerti e visite guidate. Si tratta di iniziative tese a valorizzare l’antico istituto, centro all’avanguardia per ciechi e ipovedenti e gioiello architettonico, ricco di opere d’arte e di ambienti di interesse storico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©