Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Record di presenze a VitignoItalia con oltre 18.000 visitatori


Record di presenze a VitignoItalia con oltre 18.000 visitatori
25/05/2018, 12:38

Boom di presenze alla XIV edizione di Vitignoitalia con oltre 18mila visitatori, circa il 10% in più rispetto al 2017. Ha chiuso martedì scorso con numeri da record la 14^ edizione di VitignoItalia, il Salone dei Vini e dei Territori Vitivinicoli Italiani che a Napoli ha visto protagoniste 250 aziende vitivinicole con 2.000 etichette. Un successo lusinghiero che si rispecchia anche nei contenuti, con un vero e proprio sold-out sul fronte degli incontri e delle degustazioni guidate organizzate nelle splendide sale di Castel dell’Ovo. 
Una partecipazione così massiccia di pubblico e addetti ai lavori – dichiara Maurizio Teti, direttore di VitignoItalia - insieme all’altissimo gradimento registrato nei confronti dell’offerta convegnistica, squisitamente dedicata agli aspetti tecnici ma anche commerciali su mercati chiave come la Cina, confermano che VitignoItalia è una delle manifestazioni leader nel panorama nazionale, grazie ad un format vincente in grado di fornire preziose occasioni di incontro e scambi per far fronte alle sfide future del comparto vitivinicolo tricolore”. 
L’internazionalizzazione e la promozione in chiave business – aggiunge Chicco De Pasquale, presidente di VitignoItalia - saranno prioritari nella prossima edizione della manifestazione, che torna a Napoli dal 19 al 21 maggio 2019, forte di una nuova validissima squadra di organizzatori e di una, ci auguriamo, proficua collaborazione con le istituzioni, che anche quest’anno si è dimostrata fondamentale. Non da meno, è stata la liaison con il Festival della Filosofia in Magna Grecia che ha permesso di raccontare il legame ancestrale tra vino, cultura e storia, dando un importante valore aggiunto al Salone”.
Tra i tantissimi ospiti di VitignoItalia 2018 presenti anche il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis che, reduce dell’ultima partita in campionato della sua squadra, ha visitato gli spazi della kermesse, dimostrando una grande competenza enoica e anche voglia di scherzare, al punto da prestarsi ad un gioco di abbinamenti tra alcuni suoi giocatori e i vini. Koulibaly? Un Barolo che invecchiando migliora sempre di più – ha detto Aurelio De Laurentiis, in veste di insolito sommelier – Insigne un Aglianico, mentre in Milik vedo un ottimo Borgogna e in Hamšík un Renano elegante”.
E se VitignoItalia riaprirà i battenti di Castel dell’Ovo solo nel 2019, alcuni dei vini che ne hanno decretato il successo resteranno invece ancora a Napoli per tutto il mese di giugno 2018. Ogni mercoledì del mese, infatti, una selezione di importanti cantine del territorio sarà protagonista delle cene organizzate da Pastificio Di Martino (partner della manifestazione) all’interno dell’innovativo Sea Front Pasta Bar, a Piazza Municipio 1. Si tratta di special dinner, sotto forma di piccoli laboratori, durante i quali i produttori potranno raccontare le proprie realtà, illustrare le caratteristiche di ciascun vino e spiegarne gli abbinamenti con la pasta.
VitignoItalia si è svolto con il patrocinio del Comune di Napoli, MIPAAF, ISMEA e in collaborazione con la Regione Campania, Unioncamere Campania e Italian Trade Agency (ITA).

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©