Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

"Il Cinema francese si è uniformato a quello americano"

Regista Kassovitz, "lascio il paese ma non per il fisco"

Depardieu?"Può fare ciò che vuole ma rappresenta la Francia"

Regista Kassovitz, 'lascio il paese ma non per il fisco'
08/01/2013, 18:08

PARIGI – “Sto anch'io per lasciare la Francia come Depardieu. Ma non per ragioni di fisco”. Lo ha affermato il regista di origine ebreo-ungherese de “L'Odio” e de “I fiumi di porpora”, Mathieu Kassovitz. “Creativamente parlando - ha spiegato il registra francese - non ce la faccio più a continuare a lavorare in un paese che ha fatto ammalare il cinema” rendendolo “conforme al modello americano”. Su Depardieu il regista, famoso per non avere peli sulla lingua, non ha risparmiato una stoccata ironica: “Lui può fare quel che vuole ma non deve dimenticare che è un marchio nazionale come il Camembert. Depardieu rappresenta la Francia, è la Francia”.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©