Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Replica straordinaria a grande richiesta all'interno della rassegna "Se son donne fioriranno"


Replica straordinaria a grande richiesta all'interno della rassegna 'Se son donne fioriranno'
29/05/2010, 10:05

“Della storia di G.G.” è una rielaborazione del racconto omonimo di Maria Grazia Rispoli.

In particolare ricostruisce ciò che accade quando la protagonista della storia torna al suo piccolo paese d’origine, in Campania, per la morte del padre.

Il dolore di una persona che ha sempre amato l’indipendenza e i viaggi, da molti anni trasferitasi altrove, è un dolore che la rende improvvisamente incapace, smarrita, la fa sentire piccola.

Ma l’arrivo di Gennaro Gargiulo, l’impresario delle pompe funebri, chiamato ad organizzare il funerale, sconvolge il suo stato d’animo: è un improvviso, imbarazzante colpo di fulmine che, irrispettoso e dispettoso, si manifesta proprio quando non è né atteso né desiderato. La passione s’intrufola nel dolore e lo scompiglia, un violento desiderio accende il cupo colore del lutto. Le tristi incombenze necessarie ad accompagnare un defunto alla sua estrema dimora, si trasformano d’improvviso in auspicate occasioni d’incontro desiderate, attese con trepidante impazienza.

Lo spettacolo, in forma di monologo, si dipana attraverso l’evolversi di questi sentimenti e di una storia d’amore e passione incredibilmente atipica, fino ad arrivare a una conclusione amaramente inaspettata.

Un taglio grottesco ed ironico viaggia lungo i circa sessanta minuti di spettacolo e fa sì che possa facilmente far ascrivere questa pièce nel registro della “black comedy”.
Dalla rimozione del dolore della perdita si genera un doppio da sé che agisce, sente e vive in maniera diametralmente opposta: tanto l’uno è fragile, luttuoso e si esprime con toni veri e dolorosi, tanto l’altro è perfido, beffardo e usa toni da femme fatale di provincia. I due personaggi si alternano, si danno la mano, altre volte si fanno la guerra, in una sorta di girandola schizofrenica che si fa via via sempre più grottesca e divertente.



Teatro Tin

Info e prenotazioni al 338 4731271 / 334 3220391
Costo biglietti 10 euro; ridotto studenti fino a 27 anni 8 euro
www.teatroinstabile.ning.com

Ufficio stampa

Roberta D’Agostino; 3384546447 – dagostino.roberta@gmail.com

Lello Catello -3333871968 – raffaelecatello@gmail.com



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©