Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

RETINA.IT: I PROSSIMI DEL POMPEI LAB


RETINA.IT: I PROSSIMI DEL POMPEI LAB
22/09/2008, 08:09

Al PompeiLab, nella serata del 26 Settembre, i Retina.it proporranno numerose novità: brani realizzati assieme a John Hughes (il boss della Hefty Records) tratti dal loro ultimo progetto Brood, brani inediti e altri tratti dall’ultimo cd raccolta Semeion (Hefty Records, 2007). Inoltre, saranno presenti tre video maker (Pier Paolo Patti, Antonello Matarazzo, Cuttincats) che lavoreranno su istallazioni e vjing.

Retina.it è un progetto di Lino Monaco e Nicola Buono. Si conoscono agli inizi degli anni ’90 e decidono di creare, con il dj Rino Cerrone, i Qmen,uno dei primi gruppi di musica techno dell’area vesuviana.
L’album d’esordio, Volcano waves (Hefty Records,2001), è un esemplare operazione di musica elettronica mady in Italy esportata all’estero.
Al disco seguono alcuni 12’’, in cui i due propongono punti di vista diversi e in continua mutazione dai quali osservare la materia elettronica. L’uso del mixer analogico, nonostante l’utilizzo di diversi computer sia per la realizzazione di sequenze audio/Midi sia per il processo di realizzazione finale ed editing, rimane di fondamentale importanza per il gruppo che preferisce rischiare di compromettere l’audio con fruscii e ronzii,piuttosto che restare incollati ad uno schermo,in un regime del tutto virtuale, con il pretesto di avere un suono chiaro e pulito.
Il duo, insieme a Marco Messina (99 Posse), ha inoltre dato vita nel 2003 ad una propria label, Mousike Lab, che ha pubblicato lo scorso anno Opinio Omnium, primo lavoro dei Resina, sintesi dei nomi Retina.it più lo stesso Marco Messina.
 
Pompeilab è un progetto nato da un’idea delle associazioni “Catello Cesarano” e “Fuoco a Babilonia” e realizzato in collaborazione con il comune di Pompei. Si tratta di un’iniziativa tesa al recupero dell’area dell’ex depuratore del fiume Sarno, versante da anni in uno stato di assoluto abbandono e degrado, attraverso l’apertura di laboratori, sportelli, e l’organizzazione di eventi artistico - culturali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©