Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

RICCARDO III LIVE FROM SCAMPIA dal 17 al 19 gennaio 2014 al Te.co


RICCARDO III LIVE FROM SCAMPIA dal 17 al 19 gennaio 2014 al Te.co
14/01/2014, 23:26

Il Centro Igiene Teatrale presenta il testo di Antonio Lepre RICCARDO III LIVE FROM SCAMPIA dal 17 al 19 gennaio 2014 al Te.co di Via diocleziano 316, con Stefano Aloschi, Laura Pagliara, Luca Sangiovanni, Marta Cutolo, Gigi Lista, Luca Avolio. Musiche Originali Damiano Davide.
a) Note di Regia
il testo di Antonio Lepre: Riccardo III da un'idea di William Shakespeare prende a pretesto il capolavoro dell'autore inglese e il suo 'Grande Meccanismo', come lo definisce Jan Kott nel suo saggio “Shakespeare nostro contemporaneo”, per mostrare i motivi, le cause e le conseguenze che spingono adolescenti e giovani della periferia di Napoli ad abbandonare la retta via al luccichio del potere, del denaro e del sesso. Il dramma in quadri Riccardo III da un'idea di William Shakespeare è ambientato nella Faida camorristica di Scampia, una delle più assurde e sanguinose degli ultimi cinquant'anni; le famiglie dei York e dei Lancaster del testo di Shakespeare e alcuni passi, tra cui il classico prologo nonché la fuga, vengono tenuti, però è volontà dell'autore tradurre questi passi poetici non in Italiano bensì in napoletano contemporaneo.
"La nostra Terra – dice l'autore – ha bisogno di disintossicarsi dal cancro della camorra, e per fare ciò non deve evadere dal quotidiano con una risata grassa e liberatoria bensì deve osservare causa e conseguenze del fenomeno camorristico, e in quale ambienti e con quale modalità si instaura nella nostra vita civile".
"Negli anni passati, e in special modo con le ultime produzioni di fiction sull'intero panorama televisivo, la camorra è stata idolatrata causando un forte spirito di imitazione nei giovani che oggi indossano magliette e citano frasi di questo o quella fiction dove vengono rappresentati boss e azioni violente come degne e rispettose "

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©